Gemstones

Gemstones, or precious stones were always present through the ages, although with different capabilities: crushed and transformed into pigments, such as amulets, as decorations construction or  like nowadays cut to accentuate their brilliance and set in fine jewelry.

The most famous stones are: Emerald, Ruby, Sapphire, and of course the Diamond.

Curiosity!
The Emerald and Aquamarine, so different in appearance, are in fact two different varieties of Beryl, as well as also the Ruby and Sapphire, are two different varieties of Corundum.
Even some animal material such as ivory, the Coral and Pearls are considered gemstones!
Among the gems and minerals, are different relevant characteristics, of these, the  Hardness is the one of the most imposrtanti: or the resistance to permanent deformation.

The hardness of a stone can be established due to the scale of Mhos, precisely created by Friedrich Mohs in 1812, a scale that includes ten minerals, classifying them by less hard than hard, dividing by degrees of hardness.
This scale provides only indicative values​​, since the coefficient of mineral hardness varies greatly from one to the other.
Tender (you scratch with a fingernail)

1. Talc
2. Chalk
Semi-hard (become scratched with a steel tip)
3. Calcite
4. Fluorite
5. Apatite
Hard (not scratched with a steel tip)
6. Orthoclase
7. Quartz
8. Topaz
9. Corundum
10. Diamond

Commercially, however, one of the fundamental characteristics of a stone, as well as the purity and transparency,is the brilliance.

The brilliance can be accentuated generally on the type of work that can be implemented on the stone in history have followed different types of cuts, the most famous are the cutting square, baguette, the emerald cut, navette, drop and of course brilliant.

The brilliant does not indicate a stone, as otherwise it is often confused, but it is only one of the types of cutting in which you can find a diamond, so it is fair to say : Diamond, brilliant cut.

Also important is the working Cabochon, characterized by curving forms and smooth.

Tagli_gemme.jpeg 600px-Cardinal_gems

Le pietre preziose, sempre presenti attraverso i secoli, sebbene con diverse funzionalità: sbriciolate e trasformate in pigmenti, come amuleti, come decorazioni edili o come si usa tutt’ora, tagliate per accentuare la loro brillantezza ed incastonate in raffinati monili.

Le pietre più conosciute, neanche a dirlo sono: Smeraldo, Rubino, Zaffiro e naturalmente il Diamante.

Curiosità!!

lo Smeraldo e l’Acquamarina, così diverse all’apparenza, sono in realtà due diverse varietà del Berillo; così come anche il Rubino e lo Zaffiro, sono due varietà diverse di Corindone.

Anche alcuni materiali di origine animale come l’Avorio, il Corallo e le Perle son considerate pietre preziose!!

Tra le gemme ed i minerali, sono diverse le caratteristiche rilevanti, fra queste una delle più imposrtanti è la Durezza: o la resistenza alla deformazione permanente.

La durezza di una pietra si può stabilire grazie alla scala di Mhos, ideata apputo da Friedrich Mohs nel 1812 , una scala che comprende dieci minerali, classificandoli dal meno duro al più duro dividendoli appunto per gradi di durezza.

Questa scala fornisce sol dei valori indicativi, poiché il coefficiente di durezza varia notevolmente da un minerale a l’altro.

     Teneri (si scalfiscono con l’unghia)

  1. Talco

  2. Gesso

    Semiduri (si rigano con una punta di acciaio)

  3. Calcite

  4. Fluorite

  5. Apatite

    Duri (non si rigano con una punta di acciaio)

  6. Ortoclasio

  7. Quarzo

  8. Topazio

  9. Corindone

  10. Diamante 

Commercialmente, però una delle caratteristiche fondamentali di una pietra, oltre alla purezza ed alla trasparenza, è la brillantezza accentuata generalmente dal tipo di lavorazione che su può attuare sulla pietra, nella storia si son susseguiti diversi tipi di tagli; i più famosi sono il taglio quadrato, a baguette, il taglio smeraldo, a navette, a goccia e naturalmente a brillante.

Il brillante non indica una pietra, come altrimenti viene spesso confuso, ma è solo uno dei tipi di taglio nei quali si può trovare un Diamante, è quindi giusto dire: Diamante, taglio brillante.

Importante anche la lavorazione a Cabochon, caratterizzato da forme curve e lisce.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s