Music On Stage

Carmen Consoli – Fiori d’Arancio

Aveva uno sguardo intenso e diretto, 
le dita curate e un sarcasmo congenito, 
labbra sottili, armonioso contorno 
di denti bianchi e perfetti. 

Poche parole, eleganza nei modi, 
una lieve cadenza d’oltralpe e dominio di sé. 

Gli incontri divennero assidui e frequenti, 
nei luoghi e agli orari più insoliti. 
Quell’uomo intrigante teneva le redini 
con singolare destrezza. 

Pochi preamboli quando mi chiese: 
“vorresti sposarmi?”, era onesto e sicuro di sé. 

Ricordo il giorno del mio matrimonio, 
l’abito bianco di seta ed organza, 
fiori d’arancio intorno all’altare, 
aspettavo il mio sposo con devozione. 

La chiesa gremita di gente annoiata 
per l’interminabile attesa. 
Alle mie spalle sbadigli e commenti 
e di lui neanche l’ombra lontana. 

Pochi preamboli quando mi chiese: 
“vorresti sposarmi?”, era onesto e sicuro di sé. 

Ricordo il giorno del mio matrimonio, 
l’abito bianco di seta ed organza, 
nessuno sposo impaziente all’altare, 
soltanto un prete in vistoso imbarazzo. 
Ricordo il giorno del mio matrimonio, 
l’abito bianco di seta ed organza, 
nessuno sposo impaziente all’altare, 
soltanto un prete in vistoso imbarazzo. 

Ricordo il giorno del mio matrimonio, 
l’abito bianco di seta ed organza, 
nessuna marcia nuziale, 
soltanto il mio tacito requiem 
e immenso cordoglio 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s