Childhood and Literature

For this week I decided to swim against the tide, instead to talk about children’s literature, we’ll talk about literature of childhood: about writers whome tolked about this particular time and they tapped his poetry.

First of all Charles Dickens, he had a troubled youthness marked by the capture of his father for debt, consequently this experience become a basic feature of his poetry.

In his novels, children are often the most important characters, they’re opposed to worthless parent and other persons.

Charles Dickens most known works are: Oliver Twist,  David Copperfield and Hard Times.

Another important writer who focused about this growing up period, is the italian Giovanni Pascoli.

Pascoli had a troubled youthness too, at the age of twelve his father died and some years later his mother and two ov hi nine bothers they died too. After the death of his borther Giacomo, Giovanni fell into depression, he got out but he fell again when, after the reunion with his two sisters Ida and Maria, the first one got married.

One oh his most important work is “Il Fanciullino” in  1897, a work divided in 2o chapters and wrote in a particular language full of methafors.

In this work Pascoli asked himself what is the poetry, the answer come arond the concept of Fanciullino, the young child inside of every one.

The poet, is infact the one he could let out his inner child, a child that non needs overstructures, he have to remains genuine.

oliver-twist-libro-81931 PASCOLI-LIBRO

Per questa settimana ho deciso di andare un po’ controcorrente, invece di parlare della letteratura per l’infanzia, parleremo della letteratura dell’infanza: ovvero degli scrittori che hanno parlato di questo particolare periodo o che ne hanno sfruttato la poeticità.

Primo fra tutti Charles Dickens, il quale dopo aver avuto egli stesso una giovinezza travagliata segnata dall’arresto del padre e di conseguenza ne fece una caratteristica fondamentale per la sua scrittura.

Nei suoi romanzi, i bambini hanno sempre dei ruoli principali e si trovano opposti a genitori o comunque altri personaggi vili ed incapaci di dimostrazioni affettive.

I suoi lavori più conosciuti sono: Oliver Twist, David Copperfield ed  Hard Times.

Un altro scrittore che si è concentrato su questo periodo di crescita, è l’italiano Giovanni Pascoli.

Anche Pascoli ha avuto una giovinezza travagliata, a dodici anni infatti muore suo padre e pochi anni dopo, muore anche la madre con due dei 9 fratelli, dopo la morte dell’altro fratello Giacomo, Giovanni cade in depressione; la supererà ma vi ricadrà quando, dopo essersi riunito con le due sorelle Ida e Maria, la prima delle due prenderà marito.

Uno dei suoi lavori più importanti è “Il Fanciullino” del 1897, un’opera divisa in 20 capitoli,  scritta in un linguaggio ricco di metafore.

Attraverso la sua opera Pascoli si chiede cos’è la poesia, la risposta ruota attorno al concetto di fanciullino, ovvero il fanciullo che c’è in ognuno di noi.

Il poeta è infatti colui che riesce a far uscire la voce del suo fanciullo interiore, che non ha bisogno di sovrastrutture ma deve rimanere genuino.

Cloudy/Michela

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s