Tag Archives: Brazil

The Wedding

Here we are finally with the first article, or at least the first worthy to be called such, on marriage.
This term means “union of husband and wife,” as also the Universal Declaration of Human Rights.

Article 16
1. Men and women of marriageable age have the right to marry and to found a family, without any limitation due to race, nationality or religion. They are entitled to equal rights as to marriage, during marriage and at its dissolution.
2. Marriage shall be entered into only with the free and full consent of the intending spouses.
3. The family is the natural and fundamental group unit of society and is entitled to protection by society and the State.

The determination of the marriage can take place in different ways according to the different cultures so generically religious or civil, but in some culture just a social definition.

Despite such here in Italy, the most widespread religion is Christianity, are recognized civil marriages also celebrated with various rituals; this since the 80 ‘it, there have been agreements between the State and the various religious congregations, such as:

Christian Congregation of Jehovah’s Witnesses, the Waldensian Church, Assemblies of God in Italy, the Union of Italian Jewish communities, Evangelical Christian Baptist Union of Italy, the Evangelical Lutheran Church in Italy.
Depending dellle various cultures and geographical areas, there are also restrictions: in fact, in some cultures it is forbidden the marriage between consanguineous, between more people (polygamy), and often the marriage between persons of the same sex.

This type of marriage is one of the main achievements of the “militant” homosexual in response to a request by the legislation to eliminate the disparity of treatment between heterosexual unions and homosexual unions, on the assumption that homosexual intercourse is a healthy expression of sexuality and the law marriage is an inalienable right of the individual person.
Nowadays, I’m sixteen countries that have agreed to the marriage formula equalitario: The Netherlands, Belgium, Spain, Portugal, Canada, South Africa, Sweden, Norway, Denmark, Iceland, Argentina, Uruguay, New Zealand, France, the United Kingdom, Brazil and in nineteen U.S. states (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Washington, Maine, Maryland, Rhode Island, New Jersey, Delaware, Minnesota, California, Illinois, Hawaii, New Mexico, Oregon and Pennsylvania, in addition to the capital Washington, DC) and in some regions of Mexico (in the capital and in Quintana Roo).
The rite of marriage, has always been considered an event of sharing, of formalization with the community: a real statement.
For the Catholic Christian Church and the Orthodox Church, marriage is considered sacred, and is in fact one of the seven sacraments.
For the Jewish religion, marriage is considered a coma the union of two families, one way to extend lareligione and Jewish cultural heritage.
Islam advises the marriage legitimized, asthe leading to mutual sodifazione sex and procreation.
Hinduism sees marriage as a sacred duty that entails social and religious obligations.
Buddhism does not encourage or discourage marriage, although it teaches that a person needs to live a happy married life.
In the Eastern world, some cultures involve the union in marriage with more individuals, often with more people means more than one wife (polygyny), in these cultures have several wives is a sign of wealth and power.
In the Muslim world, marriage is sanctioned between a man and a woman, but there are verses in the sura of the Qur’an which state that under certain conditions of extreme equanimity of a man is allowed to have up to four wives.
In Indonesia, the largest Muslim-majority state, is allowed marriage between a man and a woman who profess the same faith, while atheists are not allowed to marry.
In Imperial China was allowed the marriage only between a man and a woman, but for some higher social classes were allowed concubinage.

Matrimonio

Eccoci finalmente col primo articolo, o almeno il primo degno di essere chiamato tale, sul matrimonio.
Con questo termine si intende “unione di due coniugi”, come ricorda anche la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Articolo 16
1. Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. Essi hanno eguali diritti riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e all’atto del suo scioglimento.
2. Il matrimonio potrà essere concluso soltanto con il libero e pieno consenso dei futuri coniugi.
3. La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato.

La determinazione del matrimonio può avvenire in diversi modo, a seconda delle varie culture: genericamente in modo religioso o civile, ma in alcune culture basta una definizione sociale.
Nonostante ad esempio qui in Italia, la religione più diffusa sia il Cristianesimo, sono riconosciuti a livello civile, anche dei matrimoni celebrati con diversi riti; questo poiché dagli anni 80′ lo ci sono state delle intese tra lo Stato e le diverse congreghe religiose, come:
Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, Tavola Valdese, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle comunità Ebraiche Italiane, Unione cristiana evangelica battista d’Italia, Chiesa evangelica luterana in Italia.
A seconda dellle varie culture e delle aree geografiche ci sono anche delle restrizioni: infatti in alcune culture è vietato il matrimonio tra consaguinei, tra più persone (poligamia), e talvolta il matrimonio tra persone dello stesso sesso.
Questo tipo di Matrimonio, spesso definito “Equalitario”, è uno dei principali successi della “militanza” omosessuale in risposta alla richiesta di eliminare dalla legislazione la disparità di trattamento fra unioni eterosessuali e unioni omosessuali, sul presupposto che il rapporto omosessuale sia una sana espressione della sessualità e che il diritto al matrimonio sia un diritto individuale inalienabile della persona.
Oggi come oggi, sono sedici i paesi che hanno acconsentito alla formula del matrimonio equalitario: Paessi Bassi, Belgio, Spagna, Portogallo, Canada, Sudafrica, Svezia, Norvegia, Danimarca, Islanda, Argentina, Uruguay, Nuova Zelanda, Francia, nel Regno Unito e Brasile, in diciannove Stati USA (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Washington, Maine, Maryland, Rhode Island, New Jersey, Delaware, Minnesota, California, Illinois, Hawaii, Nuovo Messico, Oregon e Pennsylvania oltre alla capitale nazionale Washington, D.C.) e in alcune regioni del Messico (nella capitale e nel Quintana Roo).
Il rito del matrimonio, è sempre stato considerato un evento di condivisione, di formalizzazione con la comunità: una dichiarazione vera e propria.
Per la Chiesa Cattolica Cristiana e per la Chiesa Ortodossa, il matrimonio è considerato Sacro, ed è infatti uno dei sette Sacramenti.
Per la religione Ebraica, il matrimonio è considerato coma l’unione di due famiglie, uno modo di prolungare lareligione e l’eredità culturale Ebraica.
L’Islam, consiglia il matrimonio leggittimo, inquanto porta alla reciproca sodifazione sessuale ed alla procreazione.
L’Induismo vede il matrimonio come un sacro dovere che comporta obblighi religiosi e sociali.
Il Buddismo non incoraggia né scoraggia il matrimonio, sebbene insegni che una persona deve vivere una vita matrimoniale felice.
Nel mondo orientale, alcune culture prevedono l’unione in matrimonio con più individui, spesso con più individui si intende più mogli (poliginia), in queste culture avere più mogli è segno di ricchezza e potere.
Nel mondo musulmano, il matrimonio viene sancito fra un uomo e una donna, ma ci sono versetti nella sura del Corano che affermano che in certe condizioni di estrema equanimità a un uomo è consentito avere fino a quattro mogli.
In Indonesia, il più grande stato a maggioranza musulmana, è consentito il matrimonio fra un uomo e una donna che professano la stessa fede, mentre agli atei non è consentito sposarsi.
Nella Cina Imperiale era consentito il matrimonio solo tra un uomo e una donna, tuttavia per alcune classi sociali superiori era permesso il concubinato.

Advertisements

The History of Coffee

The spread of coffee is linked to the history of wars, colonization and trade.
According to the experts, the import and cultivation of the coffee plant spread to Arabia, Yemen, following the Ethiopian invasions of the thirteenth and fourteenth centuries.

La diffusione del caffè è legata alla storia delle guerre, delle colonizzazioni e commercio.
Secondo gli studiosi l’importazione e la coltivazione della pianta del caffè si diffuse in Arabia, nello Yemen, in seguito alle invasioni etiopiche del XIII e XIV secolo.

In the Arab world , men tend to gather together to enjoy coffee.
At the beginning, the Arabs did not favor the spread of coffee, which they considered having something to keep secret , and he forbade the export , because in Arabia until 1400 the coffee beans were also used by doctors for healing purposes.
In Mecca and Medina already in the fifteenth century were the first public Tap , where men came to taste a bitter coffee and dense.
The use of the drink was hampered because of its exciting effects that contrasted with the imperatives of Islamic law, so much so that some authorities condemned the consumption in public places: coffee shops were closed, the shopkeepers were arrested and stocks publicly burned.
It was the Sultan of Egypt to revoke the orders issued and the coffee became more and more popular, even if the religious authorities continued to argue with because of the increase in taverns as places of perdition , that the faithful departed from the mosques.
The population was alarmed by measures which made known the damage that coffee procured the body. In the mosques they thundered against the drink , preaching that drinking was a sin.
None of thi , however, managed to curb the spread of the black drink.

Nel mondo arabo, gli uomini tendono a riunirsi insieme per gustare il caffè.
All’inizio, gli arabi non favorirono la diffusione del caffè, che ritenevano qualcosa da dover tener segreto, e ne proibirono l’esportazione, anche perché in Arabia fino al 1400 i grani di caffè venivano anche utilizzati dai medici a scopo curativo.
Alla Mecca e a Medina già nel XV secolo erano presenti le prime mescite pubbliche, dove gli uomini entravano per degustare un caffè amaro e denso.
L’uso della bevanda fu ostacolata a causa dei suoi effetti eccitanti che contrastavano con gli imperativi della legge islamica, tanto che alcune autorità condannarono il consumo nei locali pubblici: botteghe del caffè furono chiuse, i negozianti furono arrestati e le scorte bruciate pubblicamente.
Fu il Sultano d’Egitto a revocare gli ordini emessi e il caffè divenne sempre più popolare, anche se le autorità religiose continuarono a contestarlo a causa dell’aumento delle bettole, viste come luoghi di perdizione, che allontanavano i fedeli dalle moschee.
La popolazione fu allarmata con provvedimenti che rendevano noti i danni che il caffè procurava all’organismo. Nelle moschee si tuonava contro la bevanda, predicando che berla era peccato.
Nulla di questo riuscì però a frenare la diffusione della bevanda nera.

During the reign of Suleiman the Magnificent in Constantinople were opened the first “coffee”, which took the name of “Schools for educated people” or “School of Wisdom”, where the drink was known as “milk of chess players and thinkers”. Soon these became places for the local elite of artists, writers, scholars, intellectuals and public officials.

Durante il Regno di Solimano il Magnifico, a Costantinopoli vennero aperti i primi “caffè” che presero il nome di “Scuole per persone colte” o “Scuole della Sapienza”, dove la bevanda era detta “Latte dei giocatori di scacchi e dei pensatori”. Presto questi locali divennero luoghi per elite di artisti, scrittori, letterati, intellettuali e pubblici funzionari.

The coffee arrived in the West in the second half of the seventeenth century: the date fixed by the scholars is the year of the defeat of the Turks and expelled from Vienna. After their expulsion, were found bags of beans that Westerners did not know how to use, except Kolschitzky, a Pole who had lived in Turkey. Initially, the Viennese did not appreciate a lot of coffee, so Kolschitzky stirred his coffee with milk and honey. getting a drink similar to our cappuccino. In this case, success was immediate.
He was born the first coffee of the European world, called “La Bottega Blue.”

Il caffè arrivò in Occidente nella seconda metà del Seicento: la data fissata dagli studiosi è l’anno della sconfitta e scacciata dei Turchi da Vienna. Dopo la loro cacciata, furono trovati sacchi pieni di chicchi che gli occidentali non sapevano come usare, tranne Kolschitzky, un polacco che aveva vissuto in Turchia. Inizialmente, i viennesi non apprezzavano molto il caffè, così Kolschitzky mescolò il caffè con miele e latte. ottenendo una bevanda simile al nostro cappuccino. In questo caso, il successo fu immediato .
Nacque il primo caffè del mondo europeo, chiamato “La Bottega Blu”.

In 1570, coffee made ​​its appearance in Venice, through the physician and botanist paduan Prospero Alpino. Initially, the cost of the drink was very high and only the rich could afford it. In a short time the coffee became a very popular, in fact, at the beginning of the eighteenth century admirers and lovers were in the habit of sending their beloved boxes of chocolate and coffee.
In 1716, the owner of the first Venetian coffee, he published a book extolling the virtues of healthy product, and in 1763 Venice had 218 coffee.
The introduction of coffee collided with the opinion of members of the Church, some Christian fanatics invited Pope Clement VIII to ban the “devil’s drink”. The pope did not support this request and this helped its spread.

Nel 1570 il caffè fece la sua comparsa a Venezia, attraverso il medico e botanico padovano Prospero Alpino. Inizialmente, il costo della bevanda era molto elevato e solo i ricchi potevano permetterselo. In breve tempo il caffè divenne un prodotto molto amato, infatti, all’inizio del Settecento corteggiatori ed innamorati avevano l’abitudine di inviare alle amate scatole di cioccolata e caffè.
Nel 1716, il proprietario del primo caffè veneziano, pubblicò un libretto che esaltava i pregi salutari del prodotto; e nel 1763 a Venezia si contavano 218 caffè.
L’introduzione del caffè si scontrò con il parere di esponenti della Chiesa: alcuni fanatici cristiani invitarono Papa Clemente VIII ad interdire la “bevanda del diavolo”. Il papa non appoggiò questa richiesta e questo aiutò la sua diffusione.

In France, the coffee was introduced in 1644 by Marseilles merchants from East. In 1671 a group of individuals in Marseille opened the first public coffee shop , frequented by wealthy merchants and sailors who met to organize their business . Some French winemakers began a negative propaganda on coffee and , with the help of some doctors, spread the news that coffee caused impotency and be enemy of love. He took coffee shops sprang up even in Paris, Lyon, Toulouse and Bordeaux. The coffee got great fortune at the court of Louis XIV, who was in the habit of preparing it personally . The coffee became fashionable among the members of the Court. The coffee shops were born in the shadow of the famous scene of the “Comedie Francaise”: the first was opened in 1679 and was the prototype of the future European coffee. The most famous shop was the “Cafe’ Procope”, a favorite haunt of philosophers , artists , sociologists , politicians and writers including Voltaire and Diderot. Another important meeting place for intellectuals of the French capital was the “Cafe ‘ de la Regence”, by a florentine that made him famous also for ice cream and sorbets.

In Francia il caffè fu introdotto nel 1644 da mercanti marsigliesi provenienti da Oriente.
Nel 1671 a Marsiglia un gruppo di privati aprirono la prima Bottega pubblica del Caffè, frequentata dai mercanti e navigatori più facoltosi che si incontravano per organizzare i loro viaggi d’affari. Alcuni viticoltori francesi cominciarono una propaganda negativa sul caffè e, con l’aiuto di alcuni medici, diffusero la notizia che il caffè favorisse l’impotenza e fosse nemico dell’amore.
Prese sorsero botteghe del caffè anche a Parigi, Lione, Tolosa e Bordeaux.
Il caffè ottenne grandissima fortuna alla corte di Luigi XIV, che aveva l’abitudine di prepararlo personalmente. Il caffè divenne di moda tra i membri della Corte.
Le botteghe del caffè nacquero all’ombra del famoso teatro della “Commedie Francaise”: la prima venne aperta nel 1679 e fu il prototipo dei futuri caffè europei.
La più famosa bottega fu il “Cafe’ Procope”, meta ambita di filosofi, artisti, sociologi, uomini politici e letterati tra cui Diderot e Voltaire. Un altro importante luogo di incontro per gli intellettuali della capitale francese era il “Cafe’ de la Regence”, aperto da un fiorentino che lo rese famoso anche per i gelati e i sorbetti.

In Germany the spread of coffee take long for a few years due to the preference of the people of beer. The first German coffee was built in 1679 in Hamburg, at the behest of an English merchant.
Soon they opened coffee shops in Frankfurt, Leipzig , Nuremberg and Berlin.
The complaints of the brewers were not long in coming, as Frederick II of Prussia had to take measures to curb the growing coffee market to prop up the state budget. The king issued a decree which set itself the monopoly of roasting : the unique roasting of grains belonged to the state. On January 21, 1781 was promulgated a decree : forbade anyone to own or lease or to be roasted coffee beans , with a penalty of 10 pounds; forbade those who were not authorized to roast the coffee beans and those already owned , were informed by 8 days, the office of the government grant .
On the outskirts of Berlin were created oasis of refreshment where tourists could stop for some milk and coffee. As contrasted with these rules , the owners provided the gypsies only cups and hot water , and tourists were preparing the coffee soli. With the death of Frederick II of Prussia, the decree was deleted.

In Germania la diffusione del caffè tardò per alcuni anni a causa della preferenza del popolo della birra.Il primo caffè tedesco sorse nel 1679 ad Amburgo, per volere di un commerciante inglese.
Presto aprirono botteghe del caffè a Francoforte, Lipsia, Norimberga e Berlino.
Le lamentele dei produttori di birra non tardarono ad arrivare, così Federico II di Prussia dovette prendere misure per frenare il crescente mercato del caffè per risollevare il bilancio dello Stato. Il re emise un decreto in cui si prefisse il monopolio della torrefazione: l’esclusiva della tostatura dei grani apparteneva allo Stato. Il 21 gennaio 1781 fu promulgato un decreto che: proibì a chiunque di possedere o cedere caffè torrefatto o da torrefare, pena la multa di 10 libbre; vietò a chi non fosse autorizzato di tostare i grani e a quanti possedevano già caffè, dovevano informate, entro 8 giorni, l’ufficio di concessione governativo.
Nella periferia di Berlino furono create oasi di ristoro dove i turisti potevano sostare per rifocillarsi, bevendo latte e caffè. Poiché queste contrastavano con le norme, i proprietari fornivano i gitani solo di tazze ed acqua calda e i turisti preparavano i caffè da soli.Con la morte di Federico II di Prussia il decreto fu eliminato.

In 1652, Daniel Edward, English merchant returning from a trip to the East , he introduced the coffee beans to his friends, offering coffee to his house. Following his example, many intellectuals began to meet in private homes, forming clubs, to enjoy coffee while discussing art , literature and politics. These were known as Coffehouse, and the most famous was that of Oxford.
It was,  however, Daniel Eduard opened the first coffee to make public in London, the “Michael ‘s Alley”.
The luck of coffee in England was the fact that the coffee served to combat the scourge of alcoholism, widespread in British society.
The coffee went through a period of uncertainty in 1674 women, feeling neglected by men, promoted a petition against the drink. In response, the men did print a document to refute the slanderous insinuations .
Another dark period for the coffee, it was December 1675 when King Charles II of England ordered the closure of Coffee, fearful that they were meeting places for organizing events of the uprising.

Nel 1652 Daniel Eduard, negoziante inglese di ritorno da un viaggio in Oriente, fece conoscere i grani di caffè ai suoi amici, offrendogli il caffè a casa sua. Seguendo il suo esempio, molti intellettuali iniziarono a riunirsi nelle case private, formando club, per gustare il caffè, mentre discutevano di arte, letteratura e politica. Questi erano conosciuti con il nome Coffeehouse, e il più famoso fu quello di Oxford.
Fu, però, Daniel Eduard a far aprire il primo caffè pubblico a Londra, il “Micheal’s Alley”.
La fortuna del caffè in Inghilterra fu il fatto che il caffè servì a combattere la piaga dell’alcolismo, molto diffuso nella società inglese.
Il caffè visse un periodi di incertezza: nel 1674 le donne, sentendosi trascurate dagli uomini, promossero una petizione contro la bevanda. In risposta, gli uomini fecero stampare un documento per confutare le insinuazioni calunniose.
Altro periodo buio per il caffè, fu il dicembre 1675, quando il sovrano Carlo II d’Inghilterra ordinò la chiusura dei Caffè, timoroso che fossero luoghi di incontro per organizzare manifestazioni di rivolta.

In mid-eighteenth century extensive coffee plantations flourished in most tropical countries. France was one of the first countries to exploit their colonies for the production of coffee. With the Napoleonic embargo in the early 1800s, the spread of plantations by the French suffered a slowdown in favor of the British.
From Arabia and from neighboring African countries, thanks to the Dutch, French, English, Spanish and Portuguese, crops invaded the Asian region and Latin America. Guayana from the coffee trees arrived in Brazil in 1727. Under the guidance of botanical Among Jose Mariano De Conceicao Veloso, the coffee began to be cultivated in Para to spread throughout Brazil, taking the place of the cultivation of sugar cane.

A metà del XVIII secolo estese piantagioni di caffè prosperavano nella maggior parte dei paesi tropicali. La Francia fu una delle prime nazioni a sfruttare le proprie colonie per la produzione del caffè. Con l’embargo napoleonico, nei primi del 1800, la diffusione della piantagioni da parte dei francesi subì una frenata, a favore degli inglesi.
Dall’Arabia e dai paesi africani limitrofi, grazie agli olandesi, francesi, inglesi, spagnoli e portoghesi, le coltivazioni invasero la zona asiatica e l’America latina. Dal Guayana le piante del caffè arrivarono in Brasile nel 1727. Sotto la guida del botanico Fra Jose Mariano De Conceicao Veloso, il caffè iniziò ad essere coltivato a Para per estendersi in tutto il Brasile, prendendo il posto delle coltivazioni di canna da zucchero.

(Images from Web)

Chiara

ABC Coffee

Coffee is obtained by grinding the seeds of some species of small tropical trees of the genus Coffea. The genus Coffea includes nearly a hundred species of trees and shrubs of the botanical family Rubiaceae.
The main species of coffee differ in taste, caffeine, and adaptability to different climates and soils than that of origin.
The most important species for the production of coffee are:
. Coffea Arabica: is the oldest species used. The plant originates from Ethiopia, south-eastern Sudan and northern Kenya, and later developed in Yemen.
The most popular variety is the “Moka” that is cultivated in Arabia. Then there are the variety “Typical” and “Bourbon” widespread in Brazil and variety “Maragogype.”
The seeds of Coffea arabica have a caffeine content lower than that of the other species. The plant is a small tree, up to ten meters. The large leaves, dark green in color, are oval or oblong. The white flowers are in bunches, while the fruits are drupes roundish of those red or purplish, containing two seeds rame.Le green plants growing in soil with minerals, especially in soils of volcanic origin, located over 600 add to height and the ideal climate must be around at an average temperature of 20 ° C.
. Coffea Canephora: better known as Coffea Robusta, is one of the most cultivated and economic. Native to tropical Africa, between Uganda and Guinea, it is very adaptable have different climates, it grows at lower altitudes to 700 meters. Also resists heat, disease and heavy rains better than the other species. The tree of Coffea Robusta is an evergreen, up to 8-10 meters high. The leaves are oval and pointed, while the flower, white in color, is composed of 5 petals and the fragrance similar to jasmine. The grains of this species are smaller than those of the species arabica, rounded with a straight furrow and brown. The caffeine content is twice that of Coffea arabica.
. Coffea Liberica: from the forests of Liberia, is cultivated in West Africa, Indonesia and the Philippines. Fruits and seeds are larger than those of the double Arabian, as well as being more resistant to parasites. Its grains give a pleasant and fragrant coffee.
. Coffea Excelsa: This species was first discovered in Africa in 1903 and later botanists believed the a variety of Coffea Liberica.
Among the minor species:
. Coffea Stenophylla: originating in West Africa where it is grown in Liberia, Sierra Leone and Ivory Coast. Very drought tolerant with a scent similar to that of tea.
. Coffea Mauritania: coffee typical of Mauritius. The drink you get is bitter and intoxicating
. Coffea Racemosa: originally from Mozambique. The coffee produced is very fragrant, though not rich in caffeine.
. Coffea Congencis: coming from the banks of the Congo.
. Coffea Dewevrei
. Coffea Neo-Arnoldiana
. Coffea Abeokutoe
. Coffea Dybowskli

Il caffè si ricava dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali del genere Coffea. Il genere Coffea comprende quasi un centinaio di specie di alberi e arbusti della famiglia botanica delle Rubiacee.
Le principali specie di caffè differiscono per gusto, contenuto di caffeina, e adattabilità a climi e terreni diversi da quelli di origine.
Le specie più importanti per la produzione del caffè sono:
. Coffea Arabica: è la specie di uso più antico. La pianta è originaria dell’Etiopia, del Sudan sud-orientale e del Kenya settentrionale, e si è poi sviluppata nello Yemen.
La varietà più rinomata è la “Moka” che viene coltivata in Arabia. Ci sono poi le varietà “Tipica” e “Bourbon” diffuse in Brasile e la varietà “Maragogype”.
I semi della coffea arabica hanno un contenuto di caffeina inferiore a quello delle altre specie.
La pianta è un piccolo albero, alto fino a una decina di metri . Le foglie grandi, di colore verde scuro, hanno forma ovale o oblunghe. I fiori bianchi sono riuniti in mazzetti; mentre i frutti sono drupe tondeggianti di coloro rosso o violaceo, contenenti due semi di colore verde rame.Le piante crescono in terreni dotati di minerali, soprattutto in terreni di origine vulcanica, situati oltre i 600 metti di altezza e il clima ideale deve aggirarsi intorno a una temperatura media di 20°C.
. Coffea Canephora: meglio conosciuta come Coffea Robusta, è una delle specie più coltivate ed economiche. Originaria dell’Africa tropicale, tra Uganda e Guinea, è molto adattabile hai diversi climi, cresce anche a quote inferiori ai 700 metri. Inoltre resiste al caldo, alle malattie e alle piogge abbondanti meglio delle altre specie. L’albero della Coffea Robusta è un sempreverde, alta fino a 8-10 metri. Le foglie hanno forma ovale e sono appuntite; mentre il fiore, di colore bianco, è composto da 5 petali e il profumo ricorda il gelsomino. I chicchi di questa specie sono più piccoli rispetto a quelli della specie arabica, tondeggianti con un solco dritto e di colore bruno.Il contenuto di caffeina è doppio di quello della coffea arabica.
. Coffea Liberica: proveniente dalle foreste della Liberia, è coltivata in Africa occidentale, Indonesia e Filippine. Frutti e semi sono grandi i doppio di quelli della Arabica, oltre ad essere più resistenti all’assalto dei parassiti. I suoi chicchi danno un caffè profumato e gradevole.
. Coffea Excelsa: questa specie fu scoperta in Africa nel 1903 e successivamente i botanici la ritennero una varietà di Coffea Liberica.
Tra le specie minori:
. Coffea Stenophylla: originaria dell’Africa occidentale dove è coltivata in Liberia, Sierra Leone e Costa d’Avorio. Molto resistente alla siccità con un profumo simile a quello del tè.
. Coffea Mauritiana: caffè tipico delle Mauritius. La bevanda che si ottiene è amara e inebriante
. Coffea Racemosa: originaria del Mozambico. Il caffè prodotto è molto profumato, sebbene poco ricco di caffeina.
. Coffea Congencis: proveniente dalle rive del Congo.
. Coffea Dewevrei
. Coffea Neo-Arnoldiana
. Coffea Abeokutoe
. Coffea Dybowskli

According to the website of the International Coffee Organization (ICO), the world’s largest producers of coffee, in order, are: Brazil, Vietnam, Colombia and Indonesia, followed according to the vintages, from Mexico, Guatemala, Honduras, Nicaragua, El Salvador, Ethiopia , Ecuador and India.
The maturation of coffee lasts from six to eleven months. In the countries north of the equator the flowering period corresponds to the spring and the harvest falls in winter, while south of the equator flowering occurs in late summer and harvested in late spring.
The drupes, the fruits of Coffea, do not ripen at the same time. As the fruits ripen must be collected by pulling the olives one by one, by hand or with the appropriate tool to avoid them ferment and sour. The entire operation of the harvest is very complex and expensive, for that the drupes are collected in a single time in the intermediate moment.
In general, the harvest is between 200 kg and 600/700 kg per hectare.

Secondo il sito dell‘International Coffee Organization (ICO) i maggiori produttori mondiali di caffè, in ordine, sono: Brasile, Vietnam, Colombia e Indonesia; seguiti in base alle annate da Messico, Guatemala, Honduras, Nicaragua, El Salvador, Etiopia, Ecuador e India.
La maturazione del caffè dura da sei a undici mesi. Nei paesi a nord dell’equatore il periodo di fioritura corrisponde alla primavera e il raccolto cade in inverno; mentre a sud dell’equatore la fioritura avviene a fine estate e il raccolto a fine primavera.
Le drupe, i frutti della coffea, non maturano contemporaneamente. Man mano che i frutti raggiungono la maturazione bisogna procedere alla raccolta staccando le drupe uno a uno, a mano o con l’apposito strumento, per evitare di farle fermentare ed inacidire. L’intera operazione del raccolto è molto complessa e costosa, per questo le drupe vengono raccolte in un unica volta nel momento intermedio.
In genere il raccolto oscilla tra i 200 kg e i 600/700 kg per ettaro.

The roasting of the beans is done through currents of hot air (about 240 °). During this operation, the grains suffer: weight loss, due to evaporation of water and volatile substance; increase in volume compared to the raw product; formation of a brown-blackish, following the carbonization of cellulose and caramelization of sugars , the appearance of caffeone oil that determines the flavor, and minimal loss of heat due to the caffeine.
The roasting can increase the friability of the product to facilitate grinding, in this way also increases the ability to absorb moisture, for that coffee should be stored in vacuum packs or in which it was entered inert gas.

La tostatura dei chicchi viene eseguita attraverso correnti di aria calda (circa 240°). Durante questa operazione i grani subiscono: perdita di peso, a causa dell’evaporazione dell’acqua e di sostanza volatili; aumento di volume rispetto al prodotto crudo; formazione di una colorazione bruno-nerastra, in seguito alla carbonizzazione della cellulosa e caramellizzazione degli zuccheri; comparsa del caffeone, olio che determina l’aroma; e una minima perdita di caffeina dovuta al calore.
La tostatura può aumentare la friabilità del prodotto per agevolare la macinazione , in questo modo aumenta anche la capacità di assorbimento dell’umidità, per ciò il caffè deve essere conservato in confezioni sottovuoto o in cui è stato immesso gas inerte.

P.S.
Caffeine is a natural alkaloid found in plants of coffee, cocoa, tea, cola, guarana and mate, beverages obtained by them.
Caffeine is present in the leaves, seeds and fruits, where it acts as a natural insecticide and paralyzing.
As a drug, it is legal in all countries, accepted and tolerated by the major religions, and the most consumed in the world.
Caffeine content in foods:
1 cup of espresso: 80 mg
1 cup instant coffee 57 mg
1 can of Coca-Cola: 35 mg
1 cup of tea: 60 mg

P.S.
La caffeina è un alcaloide naturale presente nelle piante di caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate, e nelle bevande da essere ricavate.
La caffeina è presente in foglie, semi e frutti, dove agisce come insetticida naturale e paralizzante.
Come sostanza stupefacente , è legale in tutti i paesi, accettata e tollerata dalle principali religioni, e la più consumata nel mondo.
Contenuti di caffeina negli alimenti:
1 tazza di espresso: 80 mg
1 tazza di caffè solubile: 57 mg
1 lattina di Coca-Cola: 35 mg
1 tazza di tè: 60 mg

(Images from Web)

Chiara