Tag Archives: China

The Wedding

Here we are finally with the first article, or at least the first worthy to be called such, on marriage.
This term means “union of husband and wife,” as also the Universal Declaration of Human Rights.

Article 16
1. Men and women of marriageable age have the right to marry and to found a family, without any limitation due to race, nationality or religion. They are entitled to equal rights as to marriage, during marriage and at its dissolution.
2. Marriage shall be entered into only with the free and full consent of the intending spouses.
3. The family is the natural and fundamental group unit of society and is entitled to protection by society and the State.

The determination of the marriage can take place in different ways according to the different cultures so generically religious or civil, but in some culture just a social definition.

Despite such here in Italy, the most widespread religion is Christianity, are recognized civil marriages also celebrated with various rituals; this since the 80 ‘it, there have been agreements between the State and the various religious congregations, such as:

Christian Congregation of Jehovah’s Witnesses, the Waldensian Church, Assemblies of God in Italy, the Union of Italian Jewish communities, Evangelical Christian Baptist Union of Italy, the Evangelical Lutheran Church in Italy.
Depending dellle various cultures and geographical areas, there are also restrictions: in fact, in some cultures it is forbidden the marriage between consanguineous, between more people (polygamy), and often the marriage between persons of the same sex.

This type of marriage is one of the main achievements of the “militant” homosexual in response to a request by the legislation to eliminate the disparity of treatment between heterosexual unions and homosexual unions, on the assumption that homosexual intercourse is a healthy expression of sexuality and the law marriage is an inalienable right of the individual person.
Nowadays, I’m sixteen countries that have agreed to the marriage formula equalitario: The Netherlands, Belgium, Spain, Portugal, Canada, South Africa, Sweden, Norway, Denmark, Iceland, Argentina, Uruguay, New Zealand, France, the United Kingdom, Brazil and in nineteen U.S. states (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Washington, Maine, Maryland, Rhode Island, New Jersey, Delaware, Minnesota, California, Illinois, Hawaii, New Mexico, Oregon and Pennsylvania, in addition to the capital Washington, DC) and in some regions of Mexico (in the capital and in Quintana Roo).
The rite of marriage, has always been considered an event of sharing, of formalization with the community: a real statement.
For the Catholic Christian Church and the Orthodox Church, marriage is considered sacred, and is in fact one of the seven sacraments.
For the Jewish religion, marriage is considered a coma the union of two families, one way to extend lareligione and Jewish cultural heritage.
Islam advises the marriage legitimized, asthe leading to mutual sodifazione sex and procreation.
Hinduism sees marriage as a sacred duty that entails social and religious obligations.
Buddhism does not encourage or discourage marriage, although it teaches that a person needs to live a happy married life.
In the Eastern world, some cultures involve the union in marriage with more individuals, often with more people means more than one wife (polygyny), in these cultures have several wives is a sign of wealth and power.
In the Muslim world, marriage is sanctioned between a man and a woman, but there are verses in the sura of the Qur’an which state that under certain conditions of extreme equanimity of a man is allowed to have up to four wives.
In Indonesia, the largest Muslim-majority state, is allowed marriage between a man and a woman who profess the same faith, while atheists are not allowed to marry.
In Imperial China was allowed the marriage only between a man and a woman, but for some higher social classes were allowed concubinage.

Matrimonio

Eccoci finalmente col primo articolo, o almeno il primo degno di essere chiamato tale, sul matrimonio.
Con questo termine si intende “unione di due coniugi”, come ricorda anche la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Articolo 16
1. Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. Essi hanno eguali diritti riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e all’atto del suo scioglimento.
2. Il matrimonio potrà essere concluso soltanto con il libero e pieno consenso dei futuri coniugi.
3. La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato.

La determinazione del matrimonio può avvenire in diversi modo, a seconda delle varie culture: genericamente in modo religioso o civile, ma in alcune culture basta una definizione sociale.
Nonostante ad esempio qui in Italia, la religione più diffusa sia il Cristianesimo, sono riconosciuti a livello civile, anche dei matrimoni celebrati con diversi riti; questo poiché dagli anni 80′ lo ci sono state delle intese tra lo Stato e le diverse congreghe religiose, come:
Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, Tavola Valdese, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle comunità Ebraiche Italiane, Unione cristiana evangelica battista d’Italia, Chiesa evangelica luterana in Italia.
A seconda dellle varie culture e delle aree geografiche ci sono anche delle restrizioni: infatti in alcune culture è vietato il matrimonio tra consaguinei, tra più persone (poligamia), e talvolta il matrimonio tra persone dello stesso sesso.
Questo tipo di Matrimonio, spesso definito “Equalitario”, è uno dei principali successi della “militanza” omosessuale in risposta alla richiesta di eliminare dalla legislazione la disparità di trattamento fra unioni eterosessuali e unioni omosessuali, sul presupposto che il rapporto omosessuale sia una sana espressione della sessualità e che il diritto al matrimonio sia un diritto individuale inalienabile della persona.
Oggi come oggi, sono sedici i paesi che hanno acconsentito alla formula del matrimonio equalitario: Paessi Bassi, Belgio, Spagna, Portogallo, Canada, Sudafrica, Svezia, Norvegia, Danimarca, Islanda, Argentina, Uruguay, Nuova Zelanda, Francia, nel Regno Unito e Brasile, in diciannove Stati USA (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Washington, Maine, Maryland, Rhode Island, New Jersey, Delaware, Minnesota, California, Illinois, Hawaii, Nuovo Messico, Oregon e Pennsylvania oltre alla capitale nazionale Washington, D.C.) e in alcune regioni del Messico (nella capitale e nel Quintana Roo).
Il rito del matrimonio, è sempre stato considerato un evento di condivisione, di formalizzazione con la comunità: una dichiarazione vera e propria.
Per la Chiesa Cattolica Cristiana e per la Chiesa Ortodossa, il matrimonio è considerato Sacro, ed è infatti uno dei sette Sacramenti.
Per la religione Ebraica, il matrimonio è considerato coma l’unione di due famiglie, uno modo di prolungare lareligione e l’eredità culturale Ebraica.
L’Islam, consiglia il matrimonio leggittimo, inquanto porta alla reciproca sodifazione sessuale ed alla procreazione.
L’Induismo vede il matrimonio come un sacro dovere che comporta obblighi religiosi e sociali.
Il Buddismo non incoraggia né scoraggia il matrimonio, sebbene insegni che una persona deve vivere una vita matrimoniale felice.
Nel mondo orientale, alcune culture prevedono l’unione in matrimonio con più individui, spesso con più individui si intende più mogli (poliginia), in queste culture avere più mogli è segno di ricchezza e potere.
Nel mondo musulmano, il matrimonio viene sancito fra un uomo e una donna, ma ci sono versetti nella sura del Corano che affermano che in certe condizioni di estrema equanimità a un uomo è consentito avere fino a quattro mogli.
In Indonesia, il più grande stato a maggioranza musulmana, è consentito il matrimonio fra un uomo e una donna che professano la stessa fede, mentre agli atei non è consentito sposarsi.
Nella Cina Imperiale era consentito il matrimonio solo tra un uomo e una donna, tuttavia per alcune classi sociali superiori era permesso il concubinato.

Advertisements

From Yesterday – Pictures

002 003 004 005 006 007 008 009

010 011 012 013 014 015 016 017 018 019 020 021 022 023

The Last Emperor Vs From Yesterday

The Last Emperor Vs From Yesterday

The Last Emperor, a colossal famous all over the world and for many, considering the colossal, par excellence, and sometime considered most important in the other countries than in Italy.

This movie has inspired many with his settings, and his story, all tied up and directed by the capable hands of the “greatest” Bernardo Bertolucci including the singer, actor and director Jared Leto, who superbly directed the video for the song from Yesterday, giving a personal vision of The Last Emperor.

Filmed by the same Jared Leto under the pseudonym of Bartholomew Cubbins (head leader of the Thirty Seconds To Mars) From Yesterday’s video is a real short film lasting a total of 13 minutes and 29 seconds. Even if the version passed over broadcasters is only 7 minutes and 24.

It ‘s the first music video of a Western artist, to be shot entirely in the People’s Republic of China.

Although he has always been fascinated by the oriental culture, the same Leto in more than one interview confirmed that the biggest inspiration has had its own with The Last Emperor, who wanted to pay homage to (a bit ‘as he had done for the the Kill video inspired by Kubrick’s The Shining) and Bernardo Bertlucci the film itself, which is one of his favorite directors.

Although it was filmed entirely in the Forbidden City, as Bertolucci’s masterpiece, but most of the video was shot in Hengdian World Studios, there are many references you bringing to the aforementioned blockbuster Italian movie.

We are the court of the young emperor, is the day of his birthday and when his “followers” ask him what he wants, he just say “The sound of tomorrow.”

In the next scene we find the group, The Thirty Seconds To Mars, in the dressing room ready to perform for one of their concerts, we’re in five minutes before getting on stage , minute of silence interrupted by the fall of a framework that allows the discovery of an old map.

The boys are called is the time to go on stage , they’re walking down the aisle , just missing a door to open , but it is locked , I’m stuck in this corridor.

The scene changes , we pass through a door that does not open, the gates of the Forbidden City that open wide to allow the Band to enter , Come welcomed by the imperial guards as well as having the flags with the emblem of imperial support of banners with symbols group .

The group is escorted from before the emperor that ” gives ” them gifts , the band members are separated and taken to different areas of the building , they have the opportunity to see the other side of the coin, the “side dark ” this glittering palace : Jared , the lead singer , he runs in three women sentenced to bring the pillory ; Shannon , the drummer, is located in front of a man in an attitude intimate with a woman not well identified; Tomo , guitarist , assists the death of an elderly woman , to which is added a black pearl of mercury inside the mouth ; Matt , bassist , he runs into a man who instead to cowhide himself .

This scene is contrasted to the scene of the ” investment ” of the group , in fact, once separated , the four children are stripped of their clothes and armor are lined with the typical Chinese , with their faces covered by masks .

The four boys , found after such dressing, are ” attacked ” by four soldiers with their own features , and components of the group is constrained to see you cross the blades in a fight and compelling choreography in which, however they fight blindly , as private fully the possibilities of granting each other. At the end of the duel, however, the four musicians you see victorious and subsequently, faces uncovered , you can make to research the place indicated on the map found in one of the opening scenes .

Everything is alternated to a performance of the group on the main staircase of the imperial palace , performances that among other things , ends surrounding the band of fireworks.

From the first scene we can find a great analogy with The Last Emperor , we are in the Forbidden City at the court of an emperor who has the features of Emperor Puyi with the annexed courtyard .

We also find other references, especially in the second part of the video, when the four boys are separated.

lI Group Leader relives the scene exactly diel small Puyi arrival in the city, when he finds himself in front of three women sentenced to a pillory.

Shannon saw a man  in an attitude, a particularly intimate one, with a woman that is not well defined, the man is in fact the meantime to “suck” the woman’s breast, scene that contrasts with one of the memories of the small Puyi that up several times in the film gets to the breast of his nurse Ar Mo.

Tomo is witnesses the death of an elderly woman, all of us in one of the opening scenes of the last emperor, we are witnessing the death of the old Empress, and the ancient custom to place a black pearl (mercury according to tradition) nlla mouth defunct.

Matt is in front, however, a man dressed in Western clothes “evening” that cowhide himself, this figure can easily remember the one of Mr. Johnston, Puyi’s tutor, who came specially from England to instruct the young emperor.

In addition to these details even more specific, it is clear homage to the colossal: we can see it very well in settings, mirroring the first scenes of the film, inside the Forbidden City.

I hope that our article will be interested, welcome your feedback!

tumblr_mre976yQ9t1se34hmo1_500

The Last Emperor

2

From Yesterday

ultimo69rf

The Last Emperor

1

From Yesterday

91e4nm

The Last Emperor

6

From Yesterday

ultimo33cl

The Last Emperor

5

From Yesterday

fyemp

The Last Emperor

4

From Yesterday

1

The Last Emperor

3

From Yesterday

L’Ultimo Imperatore Contro From Yesterday

L’ultimo imperatore, un Kolossal famoso in tutto il mondo: e per molti, considerato Il Kolossal, per eccellenza e tal volta consideratò, più importante all’esetero che in Italia.

Questo film ha ispirato molti, con le sue ambientazioni, e la sua storia, il tutto legato e diretto dalla capace mano del “mastodontico” Bernardo Bertolucci fra i quali il cantante, attore e regista Jared Leto, che ha superbamente diretto il video del brano From Yesterday, dando una sua personale visione de L’Ultimo Imperatore.

Girato dallo stesso Jared Leto, sotto lo pseudonimo di Bartolomew Cubbins, head leader dei Thirty Seconds To Mars, il video di From Yesterday è un vero e proprio cortometraggio della durata totale di 13 minuti e 29 secondi. Anche se la versione passata sulle emittenti televisive  è solo di 7 minuti e 24.

E’ il primo video musicale di un artista occidentale, ad essere stato girato interamente nella Repubblica Popolare Cinese.

Sebbene sia sempre stato affascinato dalla cultura orientale, lo stesso Leto in più di un intervista a confermato che l’ispirazione più grande l’ha avuta proprio con L’ultimo Imperatore, che ha voluto omaggiare (un po’ come aveva già fatto per il video di The Kill ispirato a Shining di Kubrick)  il film e Bernardo Bertlucci stesso , che è uno dei suoi registi preferiti.

Nonostante non sia stato girato interamente nella  Città Proibita, come il capolavoro di Bertolucci, ma gran parte del video è stata ripresa negli Hengdian World Studios, sono molti i riferimenti che ci riportando al suddetto kolossal italiano.

Siamo alla corte del giovane imperatore, è il giorno del suo compleanno e quando i suoi “adepti” gli chiedono cosa egli voglia, lui si limita a rispondere “Il suono del Domani“.

Nella scena seguente troviamo il gruppo, I Thirty Seconds To Mars, in camerino pronti ad esibirsi per uno dei loro concerti, siamo nei cinque minuti decisivi prima di salire sul palco, dei minuti di raccoglimento interrotti dalla caduta di un quadro che permette il ritrovamento di una vecchia mappa.

I ragazzi vengono chiamati è il momento di salire sul palco, stanno camminando per il corridoio, manca solo una porta da aprire, ma è chiusa a chiave, sono incastrati in questo corridoio.

La scena cambia, passiamo da una porta che non si apre, alle porte della città Proibita che si spalancano per permettere alla Band di entrare, vengon accolti dalle guardie imperiali che oltre ad avere le bandiere con lo stemma imperiale, sostengono delle bandiere con i simboli del gruppo.

Il gruppo viene scortato d’innanzi all’imperatore che “porge” loro dei doni, i componenti della band vengono separati  e portati in diverse zone del palazzo; essi hanno così l’opportunità di vedere l’altra faccia della medaglia, il “lato oscuro” di questo palazzo scintillante: Jared, il cantante, si imbatte in tre donne condannate a portare la gogna; Shannon, il batterista, si trova davanti ad un uomo in atteggiamento intimo con una donna non ben identificata; Tomo, il chitarrista, assiste alla morte di una donna anziana, alla quale viene inserita una perla nera di mercurio, all’interno della bocca; Matt, il bassista, si imbatte invece in un uomo che si flagella da solo.

Questa scena è contrapposta alla scena del “vestimento” del gruppo, infatti una volta separati, i quattro ragazzi vengono privati dei loro abiti e vengono rivestiti con la tipica armatura cinese, col volto coperto da maschere.

I quattro ragazzi, ritrovati dopo la suddetta vestizione, vengono “assaliti” da quattro soldati con le loro stesse fattezze; i componenti del gruppo si vedo constretti ad incrociare le lame in un combattimento trascinante e coreografico nel quale però essi combattono alla cieca, poichè privati totalmente della possibilità di riconoscersi tra loro. A fine duello, tuttavia, i quattro musicisti si vedono vittoriosi e successivamente, a volti scoperti, si possono recare alla ricerca del posto indicato sulla mappa trovata in una delle scene iniziali.

Il tutto è alternato all’esebizione del gruppo sulla scalinata principale del palazzo imperiale, performance che tra le altre cose, termina circondando la band di giochi pirotecnici.

Già dalla prima scena possiamo trovare una grande analogia con L’ultimo imperatore, siamo nella Città Proibita  alla corte di un imperatore che ha le fattezze dell’imperatore Puyi con corte annessa.

Troviamo anche altri riferimenti, soprattutto nella seconda parte del video, quando i quatro ragazzi vengono separati.

lI Leader del gruppo rivive esattamente la scena dell’arrivo diel piccolo Puyi nella città, quando si ritrova davanti a tre donne, condannate alla gogna.l’incontro di Shannon: la scena che si trova di fronte, è un uomo in atteggiamento particolarmente intimo con una donna non ben definita, l’uomo infatti è intanto a “succhiare” il seno della donna, scena che ci si contrappone con uno dei ricordi del piccolo Puyi che fino più volte nel film si attacca al seno della sua nutrice Ar Mo.

Come Tomo assiste alla morte di un’anziana donna, noi tutti in una delle scene iniziali dell’ultimo imperatore, assistiamo alla morte della vecchia imperatrice, ed all’antica usanza di inserire una perla nera ( di mercurio secondo la tradizione) nlla bocca della defunta.

Matt si trova davanti, invece, un duomo vestito con abiti occidentali “da sera” che si flagella; questa figura può ricordare facilmente quella di Mr. Johnston, il precettore Puyi, venuto dall’Inghilterra appositamente per istruire il giovane imperatore.

Oltre a questi dettagli magari più specifici, è evidente l’omaggio al Kolossal: lo possiamo vedere benissimo nelle ambientazioni, che ricalcano le prime scene del film, all’interno della città proibita.

Spero che questo nostro articolo vi sia interessato, attendiamo i vostri commenti!

Michela

The Last Emperor. Part II

The Last Emperor marked the turning point in the career of Bertolucci.

L’ultimo imperatore segnò la svolta decisiva nella carriera di Bertolucci.

tumblr_mi4hw5etro1rmwndoo1_500

Year/Anno: 1987
Director/Regista: Bernardo Bertolucci
Screenplays/Sceneggiature: Bernardo Bertolucci, Mark Peploe, Enzo Ungari
Manufacturer/Produttore: Jeremy Thomas
Photograph/Fotografia: Vittorio Storaro
Position/Montaggio: Gabriella Cristiani
Music: Ryuichi Sakamoto, David Byrne, Cong Su
Stage Design/Scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari and Osvaldo Desideri
Costumes: James Acheson, Ugo Pericoli
Make-up: Franco Giannini

The Academy Awards

 

CAST
. John Lone: Pu Yi (adult)
. Joan Chen: Wan Jung
. Peter O’Toole: Reginald Johnston
. Ying Ruocheng: governor of the prison
. Victor Wong: Chen Pao Shen
. Dennis Dun: Big Li
. Ryuichi Sakamoto: Amakasu
. Maggie Han: Jewel of the East
. Ric Young: interrogator
. Vivian Wu: Wen Hsiu
. Cary-Hiroyuki Tagawa: Chang
. Jade Go: Ar Mo
. Fumihiko Ikeda: Yoshioka
. Lisa Lu: Empress Dowager Cixi
. Richard Vuu: Pu Yi (three years)
. Tsou Tijger: Pu Yi (eight years old)
. Tao Wu: Pu Yi (fifteen years)

tumblr_mglm86oVgD1qb7l3lo2_500  Ryuichi Sakamoto, David Byrne, and Cong Su after winning Best Original Score for The Last Emperor.

PRIZES

1988 – Academy Award
. Best Picture: Jeremy Thomas
. Best Director: Bernardo Bertolucci
. Best Adapted Screenplay: Mark Peploe and Bernardo Bertolucci
. Best Cinematography: Vittorio Storaro
. Best Art Direction: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari and Osvaldo Desideri
. Best Costume Design: James Acheson
. Best Position: Gabriella Cristiani
. Best Sound: Bill Rowe and Ivan Sharrock
. Best Soundtrack: Ryuichi Sakamoto, David Byrne and Cong Su

1988 – Golden Globe
. Best Drama
. Best Director: Bernardo Bertolucci
. Best Screenplay: Mark Peploe, Bernardo Bertolucci and Enzo Ungari
. Best Soundtrack: Ryuichi Sakamoto, David Byrne and Cong Su

1989 – BAFTA Award
. Best Picture: Jeremy Thomas and Bernardo Bertolucci
. Best Costume Design: James Acheson

1988 – David di Donatello
. Best Picture
. Best Director: Bernardo Bertolucci
. Best Producer: Jeremy Thomas, Franco Giovale and Joyce Herlihy
. Best Supporting Actor: Peter O’Toole
. Best Screenplay: Mark Peploe and Bernardo Bertolucci
. Best Cinematography: Vittorio Storaro
. Best Art Direction: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari and Osvaldo Desideri
. Best Costume Design: James Acheson and Ugo hazards
. Best Position: Gabriella Cristiani

1988 – César Award
. Best Foreign Film: Bernardo BertolucciLos

1987 – New York Film Critics Circle Award
. Best Cinematography: Vittorio Storaro

1987 – Los Angeles Film Critics Association Award
. Best Cinematography: Vittorio Storaro
. Best Original Score: David Byrne, Ryuichi Sakamoto and Cong Su

1988 – Nastro d’Argento
. Best Foreign Language Film Director: Bernardo Bertolucci
. Best Art Direction: Ferdinando Scarfiotti
. Best Position: Gabriella Cristiani
. Best male dubbing: Giuseppe Rinaldi (voice of Peter O’Toole)

1989 – Awards of the Japanese Academy
. Best Foreign Language Film

d1686cbf5464529cbcc539ca44de5572 osc874

PREMI

1988 – Premio Oscar
. Miglior film: Jeremy Thomas
. Migliore regia: Bernardo Bertolucci
. Migliore sceneggiatura non originale: Mark Peploe e Bernardo Bertolucci
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro
. Migliore scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari e Osvaldo Desideri
. Migliori costumi: James Acheson
. Miglior montaggio: Gabriella Cristiani
. Miglior sonoro: Bill Rowe e Ivan Sharrock
. Miglior colonna sonora: Ryuichi Sakamoto, Cong Su e David Byrne

1988 – Golden Globe
. Miglior film drammatico
. Migliore regia: Bernardo Bertolucci
. Migliore sceneggiatura: Mark Peploe, Bernardo Bertolucci e Enzo Ungari
. Miglior colonna sonora: Ryuichi Sakamoto, Cong Su e David Byrne

1989 – Premio BAFTA
. Miglior film: Jeremy Thomas e Bernardo Bertolucci
. Migliori costumi: James Acheson

1988 – David di Donatello
. Miglior film
. Migliore regia: Bernardo Bertolucci
. Miglior produttore: Jeremy Thomas, Franco Giovale e Joyce Herlihy
. Miglior attore non protagonista: Peter O’Toole
. Migliore sceneggiatura: Mark Peploe e Bernardo Bertolucci
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro
. Migliore scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari e Osvaldo Desideri
. Migliori costumi: James Acheson e Ugo Pericoli
. Miglior montaggio: Gabriella Cristiani

1988 – Premio César
. Miglior film straniero: Bernardo Bertolucci

1987 – New York Film Critics Circle Award
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro

1987 – Los Angeles Film Critics Association Award
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro
. Miglior colonna sonora: David Byrne, Ryuichi Sakamoto e Cong Su

1988 – Nastro d’argento
. Regista del miglior film straniero: Bernardo Bertolucci
. Migliore scenografia: Ferdinando Scarfiotti
. Miglior montaggio: Gabriella Cristiani
. Miglior doppiaggio maschile: Giuseppe Rinaldi (voce di Peter O’Toole)

1989 – Awards of the Japanese Academy
. Miglior film straniero

bertolucci-41374443

Chiara