Tag Archives: Cina

The Wedding

Here we are finally with the first article, or at least the first worthy to be called such, on marriage.
This term means “union of husband and wife,” as also the Universal Declaration of Human Rights.

Article 16
1. Men and women of marriageable age have the right to marry and to found a family, without any limitation due to race, nationality or religion. They are entitled to equal rights as to marriage, during marriage and at its dissolution.
2. Marriage shall be entered into only with the free and full consent of the intending spouses.
3. The family is the natural and fundamental group unit of society and is entitled to protection by society and the State.

The determination of the marriage can take place in different ways according to the different cultures so generically religious or civil, but in some culture just a social definition.

Despite such here in Italy, the most widespread religion is Christianity, are recognized civil marriages also celebrated with various rituals; this since the 80 ‘it, there have been agreements between the State and the various religious congregations, such as:

Christian Congregation of Jehovah’s Witnesses, the Waldensian Church, Assemblies of God in Italy, the Union of Italian Jewish communities, Evangelical Christian Baptist Union of Italy, the Evangelical Lutheran Church in Italy.
Depending dellle various cultures and geographical areas, there are also restrictions: in fact, in some cultures it is forbidden the marriage between consanguineous, between more people (polygamy), and often the marriage between persons of the same sex.

This type of marriage is one of the main achievements of the “militant” homosexual in response to a request by the legislation to eliminate the disparity of treatment between heterosexual unions and homosexual unions, on the assumption that homosexual intercourse is a healthy expression of sexuality and the law marriage is an inalienable right of the individual person.
Nowadays, I’m sixteen countries that have agreed to the marriage formula equalitario: The Netherlands, Belgium, Spain, Portugal, Canada, South Africa, Sweden, Norway, Denmark, Iceland, Argentina, Uruguay, New Zealand, France, the United Kingdom, Brazil and in nineteen U.S. states (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Washington, Maine, Maryland, Rhode Island, New Jersey, Delaware, Minnesota, California, Illinois, Hawaii, New Mexico, Oregon and Pennsylvania, in addition to the capital Washington, DC) and in some regions of Mexico (in the capital and in Quintana Roo).
The rite of marriage, has always been considered an event of sharing, of formalization with the community: a real statement.
For the Catholic Christian Church and the Orthodox Church, marriage is considered sacred, and is in fact one of the seven sacraments.
For the Jewish religion, marriage is considered a coma the union of two families, one way to extend lareligione and Jewish cultural heritage.
Islam advises the marriage legitimized, asthe leading to mutual sodifazione sex and procreation.
Hinduism sees marriage as a sacred duty that entails social and religious obligations.
Buddhism does not encourage or discourage marriage, although it teaches that a person needs to live a happy married life.
In the Eastern world, some cultures involve the union in marriage with more individuals, often with more people means more than one wife (polygyny), in these cultures have several wives is a sign of wealth and power.
In the Muslim world, marriage is sanctioned between a man and a woman, but there are verses in the sura of the Qur’an which state that under certain conditions of extreme equanimity of a man is allowed to have up to four wives.
In Indonesia, the largest Muslim-majority state, is allowed marriage between a man and a woman who profess the same faith, while atheists are not allowed to marry.
In Imperial China was allowed the marriage only between a man and a woman, but for some higher social classes were allowed concubinage.

Matrimonio

Eccoci finalmente col primo articolo, o almeno il primo degno di essere chiamato tale, sul matrimonio.
Con questo termine si intende “unione di due coniugi”, come ricorda anche la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Articolo 16
1. Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. Essi hanno eguali diritti riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e all’atto del suo scioglimento.
2. Il matrimonio potrà essere concluso soltanto con il libero e pieno consenso dei futuri coniugi.
3. La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato.

La determinazione del matrimonio può avvenire in diversi modo, a seconda delle varie culture: genericamente in modo religioso o civile, ma in alcune culture basta una definizione sociale.
Nonostante ad esempio qui in Italia, la religione più diffusa sia il Cristianesimo, sono riconosciuti a livello civile, anche dei matrimoni celebrati con diversi riti; questo poiché dagli anni 80′ lo ci sono state delle intese tra lo Stato e le diverse congreghe religiose, come:
Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, Tavola Valdese, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle comunità Ebraiche Italiane, Unione cristiana evangelica battista d’Italia, Chiesa evangelica luterana in Italia.
A seconda dellle varie culture e delle aree geografiche ci sono anche delle restrizioni: infatti in alcune culture è vietato il matrimonio tra consaguinei, tra più persone (poligamia), e talvolta il matrimonio tra persone dello stesso sesso.
Questo tipo di Matrimonio, spesso definito “Equalitario”, è uno dei principali successi della “militanza” omosessuale in risposta alla richiesta di eliminare dalla legislazione la disparità di trattamento fra unioni eterosessuali e unioni omosessuali, sul presupposto che il rapporto omosessuale sia una sana espressione della sessualità e che il diritto al matrimonio sia un diritto individuale inalienabile della persona.
Oggi come oggi, sono sedici i paesi che hanno acconsentito alla formula del matrimonio equalitario: Paessi Bassi, Belgio, Spagna, Portogallo, Canada, Sudafrica, Svezia, Norvegia, Danimarca, Islanda, Argentina, Uruguay, Nuova Zelanda, Francia, nel Regno Unito e Brasile, in diciannove Stati USA (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Washington, Maine, Maryland, Rhode Island, New Jersey, Delaware, Minnesota, California, Illinois, Hawaii, Nuovo Messico, Oregon e Pennsylvania oltre alla capitale nazionale Washington, D.C.) e in alcune regioni del Messico (nella capitale e nel Quintana Roo).
Il rito del matrimonio, è sempre stato considerato un evento di condivisione, di formalizzazione con la comunità: una dichiarazione vera e propria.
Per la Chiesa Cattolica Cristiana e per la Chiesa Ortodossa, il matrimonio è considerato Sacro, ed è infatti uno dei sette Sacramenti.
Per la religione Ebraica, il matrimonio è considerato coma l’unione di due famiglie, uno modo di prolungare lareligione e l’eredità culturale Ebraica.
L’Islam, consiglia il matrimonio leggittimo, inquanto porta alla reciproca sodifazione sessuale ed alla procreazione.
L’Induismo vede il matrimonio come un sacro dovere che comporta obblighi religiosi e sociali.
Il Buddismo non incoraggia né scoraggia il matrimonio, sebbene insegni che una persona deve vivere una vita matrimoniale felice.
Nel mondo orientale, alcune culture prevedono l’unione in matrimonio con più individui, spesso con più individui si intende più mogli (poliginia), in queste culture avere più mogli è segno di ricchezza e potere.
Nel mondo musulmano, il matrimonio viene sancito fra un uomo e una donna, ma ci sono versetti nella sura del Corano che affermano che in certe condizioni di estrema equanimità a un uomo è consentito avere fino a quattro mogli.
In Indonesia, il più grande stato a maggioranza musulmana, è consentito il matrimonio fra un uomo e una donna che professano la stessa fede, mentre agli atei non è consentito sposarsi.
Nella Cina Imperiale era consentito il matrimonio solo tra un uomo e una donna, tuttavia per alcune classi sociali superiori era permesso il concubinato.

Advertisements

Forsythia

 Flowers, flowers, flowers … But we are in the winter, how do you do?

Easy enough to find plants that bloom in winter, just as the Forsythia, this plant is a shrub, and produces small flowers the color of sulfur.
This plant belongs to the  Oleaceae family (the one to which they belong olive trees), there are different types of this species, most native to Asia except for a native species of South Eastern Europe.
This tree usually grows between one and three meters in height, has gray-brown branches, and one of its most interesting peculiarity is the flowering period: usually when spring comes, the other plants bud new leaves, and then they begin to bloom; in our case is the opposite at the end of the winter Forsythia is covered with flowers and just after the new leaves begin to sprout.
Having a rather early flowering, this plant is used for louis public (such as parks, flower beds, balconies and for the edges of the roads), as the old solar color of its flowers gives the cheerful surroundings.
In the East, this plant has not only a decorative use, in fact in Korea its branches are used to create bows for playing the Ajaeng, China has instead entered the Forsythia, one of the 50 fundamental essences of Chinese Herbology.

Fiori, fiori, fiori… Ma siamo in inverno, come si fa?

Semplice basta trovare delle piante che fioriscano d’inverno, come appunto la Forsizia (Forsythia), questa pianta è un arbusto, e produce dei piccoli fiori color zolfo.
Questa pianta fa parte della famiglia delle Oleaceae (quella alla quale appartengono gli ulivi), esistono diverse tipologie di questa specie, la maggior parte originarie dell’Asia ad eccezione per una specie natia dell’Europa sud-orientale.
Quest’arbusto in genere cresce tra uno ed i tre metri di altezza, ha dei rami grigio marrone, ed una delle sue peculiarità più interessanti è il periodo di fioritura: in genere quando arriva la primavera, le altre piante, gemmano le nuove foglie e poi iniziano a fiorire, nel nostro caso invece è il contrario a fine inverno la Forsizia si ricopre di fiori e solo dopo inizia a gemmare le nuove foglie.
Avendo una fioritura piuttosto precoce, questa pianta è utilizzata per luighi pubblici ( come parchi, aiuole, balconi e per le bordature delle strade) , inquanto il solare colore dei suoi i fiori regala allegra al paesaggio circostante.
In oriente questa pianta non ha solamente un uso decorativo, infatti in Corea i suoi rami sono utilizzati per creare gli archetti per suonare l’Ajaeng; la Cina ha inserito invece la Forsizia, tra le 50 essenze fondamentali dell’Erbologia Cinese.

Michela / Cloudy

The Last Emperor. Part II

The Last Emperor marked the turning point in the career of Bertolucci.

L’ultimo imperatore segnò la svolta decisiva nella carriera di Bertolucci.

tumblr_mi4hw5etro1rmwndoo1_500

Year/Anno: 1987
Director/Regista: Bernardo Bertolucci
Screenplays/Sceneggiature: Bernardo Bertolucci, Mark Peploe, Enzo Ungari
Manufacturer/Produttore: Jeremy Thomas
Photograph/Fotografia: Vittorio Storaro
Position/Montaggio: Gabriella Cristiani
Music: Ryuichi Sakamoto, David Byrne, Cong Su
Stage Design/Scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari and Osvaldo Desideri
Costumes: James Acheson, Ugo Pericoli
Make-up: Franco Giannini

The Academy Awards

 

CAST
. John Lone: Pu Yi (adult)
. Joan Chen: Wan Jung
. Peter O’Toole: Reginald Johnston
. Ying Ruocheng: governor of the prison
. Victor Wong: Chen Pao Shen
. Dennis Dun: Big Li
. Ryuichi Sakamoto: Amakasu
. Maggie Han: Jewel of the East
. Ric Young: interrogator
. Vivian Wu: Wen Hsiu
. Cary-Hiroyuki Tagawa: Chang
. Jade Go: Ar Mo
. Fumihiko Ikeda: Yoshioka
. Lisa Lu: Empress Dowager Cixi
. Richard Vuu: Pu Yi (three years)
. Tsou Tijger: Pu Yi (eight years old)
. Tao Wu: Pu Yi (fifteen years)

tumblr_mglm86oVgD1qb7l3lo2_500  Ryuichi Sakamoto, David Byrne, and Cong Su after winning Best Original Score for The Last Emperor.

PRIZES

1988 – Academy Award
. Best Picture: Jeremy Thomas
. Best Director: Bernardo Bertolucci
. Best Adapted Screenplay: Mark Peploe and Bernardo Bertolucci
. Best Cinematography: Vittorio Storaro
. Best Art Direction: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari and Osvaldo Desideri
. Best Costume Design: James Acheson
. Best Position: Gabriella Cristiani
. Best Sound: Bill Rowe and Ivan Sharrock
. Best Soundtrack: Ryuichi Sakamoto, David Byrne and Cong Su

1988 – Golden Globe
. Best Drama
. Best Director: Bernardo Bertolucci
. Best Screenplay: Mark Peploe, Bernardo Bertolucci and Enzo Ungari
. Best Soundtrack: Ryuichi Sakamoto, David Byrne and Cong Su

1989 – BAFTA Award
. Best Picture: Jeremy Thomas and Bernardo Bertolucci
. Best Costume Design: James Acheson

1988 – David di Donatello
. Best Picture
. Best Director: Bernardo Bertolucci
. Best Producer: Jeremy Thomas, Franco Giovale and Joyce Herlihy
. Best Supporting Actor: Peter O’Toole
. Best Screenplay: Mark Peploe and Bernardo Bertolucci
. Best Cinematography: Vittorio Storaro
. Best Art Direction: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari and Osvaldo Desideri
. Best Costume Design: James Acheson and Ugo hazards
. Best Position: Gabriella Cristiani

1988 – César Award
. Best Foreign Film: Bernardo BertolucciLos

1987 – New York Film Critics Circle Award
. Best Cinematography: Vittorio Storaro

1987 – Los Angeles Film Critics Association Award
. Best Cinematography: Vittorio Storaro
. Best Original Score: David Byrne, Ryuichi Sakamoto and Cong Su

1988 – Nastro d’Argento
. Best Foreign Language Film Director: Bernardo Bertolucci
. Best Art Direction: Ferdinando Scarfiotti
. Best Position: Gabriella Cristiani
. Best male dubbing: Giuseppe Rinaldi (voice of Peter O’Toole)

1989 – Awards of the Japanese Academy
. Best Foreign Language Film

d1686cbf5464529cbcc539ca44de5572 osc874

PREMI

1988 – Premio Oscar
. Miglior film: Jeremy Thomas
. Migliore regia: Bernardo Bertolucci
. Migliore sceneggiatura non originale: Mark Peploe e Bernardo Bertolucci
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro
. Migliore scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari e Osvaldo Desideri
. Migliori costumi: James Acheson
. Miglior montaggio: Gabriella Cristiani
. Miglior sonoro: Bill Rowe e Ivan Sharrock
. Miglior colonna sonora: Ryuichi Sakamoto, Cong Su e David Byrne

1988 – Golden Globe
. Miglior film drammatico
. Migliore regia: Bernardo Bertolucci
. Migliore sceneggiatura: Mark Peploe, Bernardo Bertolucci e Enzo Ungari
. Miglior colonna sonora: Ryuichi Sakamoto, Cong Su e David Byrne

1989 – Premio BAFTA
. Miglior film: Jeremy Thomas e Bernardo Bertolucci
. Migliori costumi: James Acheson

1988 – David di Donatello
. Miglior film
. Migliore regia: Bernardo Bertolucci
. Miglior produttore: Jeremy Thomas, Franco Giovale e Joyce Herlihy
. Miglior attore non protagonista: Peter O’Toole
. Migliore sceneggiatura: Mark Peploe e Bernardo Bertolucci
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro
. Migliore scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari e Osvaldo Desideri
. Migliori costumi: James Acheson e Ugo Pericoli
. Miglior montaggio: Gabriella Cristiani

1988 – Premio César
. Miglior film straniero: Bernardo Bertolucci

1987 – New York Film Critics Circle Award
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro

1987 – Los Angeles Film Critics Association Award
. Migliore fotografia: Vittorio Storaro
. Miglior colonna sonora: David Byrne, Ryuichi Sakamoto e Cong Su

1988 – Nastro d’argento
. Regista del miglior film straniero: Bernardo Bertolucci
. Migliore scenografia: Ferdinando Scarfiotti
. Miglior montaggio: Gabriella Cristiani
. Miglior doppiaggio maschile: Giuseppe Rinaldi (voce di Peter O’Toole)

1989 – Awards of the Japanese Academy
. Miglior film straniero

bertolucci-41374443

Chiara

The Last Emperor

Do you believe that a man can go back to being Emperor?

Credete che un uomo possa tornare ad essere Imperatore?

tumblr_mpov9ncjMz1r6pct2o1_500The film we are talking about today is The Last Emperor.                                                            It is a choice due to a particular event: the special output for a few days in the cinemas of the restored version of the film in 3D.                                                                                           In fact, last night I Michela and we went to the cinema to enjoy this great masterpiece, which is also one of my favorite movies (thanks dad for letting me see only 6 years old).

tumblr_mj2ct2lUfx1qedbs6o1_500

Il film di cui parliamo oggi è L’ultimo Imperatore.
Si tratta di una scelta dovuta ad un evento particolare: l’uscita speciale per pochi giorni nei cinema della versione restaurata del film in 3D.
Infatti ieri sera io e Michela siamo andate al cinema a goderci questo fantastico capolavoro, che è anche uno dei miei film preferiti (grazie papà per avermelo fatto vedere a soli 6 anni).

tumblr_m7qjkaLQ6j1qbsjqno1_500

Bertolucci was inspired by the book “I was Emperor”,the autobiography of Aisin Gioro Pu Yi, the last emperor of China.
The film begins with a scene set in 1950, when Pu Yi returns to the Republic of China as a prisoner accused of war crimes and collaboration with the Japanese. While waiting to be taken to prison, tries to commit suicide. From here begins a series of flashbacks that recall the story of his life, starting from his childhood.
Let’s go back in 1908, when at age 3 is crowned emperor of China and begin to live in the Forbidden City, his first “prison” which isolates it from the rest of the world.
Cut back to 1950, in the communist prison in Fushun, where Pu Yi, who has become a “serial number” is questioned and accused of treason and collaboration. The “Freshman 981” continues to tell his life and his choices through flashbacks.
We move in 1919 when it arrives in the Forbidden City the gentleman, Mr. Johnston, with the post of tutor to the young king. Mr. Johnston soon became a good friend of Pu Yi and the boy opens his eyes to the reality and modernity.tumblr_mnxdszGPdb1qzwh25o2_500tumblr_mnxdszGPdb1qzwh25o1_500

Bertolucci trae spunto dal libro “Sono stato imperatore”, l’autobiografia di Aisin Gioro Pu Yi, l’ultimo imperatore della Cina.
Il film prende avvio con una scena ambientata nel 1950, quando Pu Yi torna nella Repubblica Popolare Cinese come prigioniero accusato di crimini di guerra e collaborazionismo con i giapponesi. Mentre aspetta di essere portato in prigione, tenta il suicidio. Da qui iniziano una serie di flashback che rievocano la storia della sua vita, partendo dalla sua infanzia.
Torniamo nel 1908, quando all’età di 3 anni viene incoronato imperatore della Cina e inizia a vivere nella Città Proibita, la sua prima “prigione” che lo isola dal resto del mondo.
La scena torna al 1950, nella prigione comunista di Fushun, dove Pu Yi, che è diventato un “numero di matricola”, viene interrogato e accusato di tradimento e collaborazionismo. La “matricola 981” continua a raccontare la sua vita e le sue scelte attraverso flashback.
Ci spostiamo nel 1919 quando arriva nella Città Proibita il gentiluomo, Mr. Johnston, con l’incarico di precettore del giovane sovrano. Mr. Johnston ben presto diventa buon amico di Pu Yi e apre gli occhi al ragazzo sulla realtà e la modernità.

tumblr_mmf7qmeXVV1s7ewe4o2_500 tumblr_mmf7qmeXVV1s7ewe4o1_500

The flashback continues by presenting the two wives of Emperor until you get to his expulsion from the Forbidden City, by order of General Chiang Kai-shek and the Kuomintang nationalists that China now controls. For years, Pu Yi lives in Tianjin where it turns into playboy, going from party to party and spending a lot of money to buy products of the West.
After a series of events Pu Yi decides to cooperate with the Japanese, who appointed him king of Manchukuo, a former Manuria, its land of origin. In fact, Pu Yi is just a puppet in the hands of the Japanese. The Imperial Palace where he plans to govern Manchukuo is his second “prison.” The arrival of the Russians, in 1945, at the end of the Second World War, marks his capture by the Soviets.
A time jump brings us to 1959, when Pu Yi was set free after spending years to be re-educated according to the concepts of neo communist republic. An extra jolt throws us in 1967 during a manifestation of the Red Guards that enhance the cult of Mao. The film ends with the last emperor who returns in the Forbidden City as a tourist.

tumblr_m8ggw20Ivf1qzu6rfo1_500 tumblr_m8gagupRyn1qzu6rfo1_500

Il flashback continua presentandoci le due mogli dell’imperatore fino ad arrivare al suo allontanamento dalla Città Proibita, per ordine del generale Chiang Kai-shek e dei nazionalisti di Kuomintang che ora controlla la Cina. Per anni Pu Yi vive a Tientsin dove si trasforma in playboy, passando di festa in festa e spendendo molto denaro per comprare prodotti dell’Occidente.
Dopo una serie di avvenimenti Pu Yi decide di collaborare con i giapponesi, che lo nominano re di Manchukuo, ex Manuria, la sua terra d’origine. In realtà Pu Yi è solo un burattino nelle mani dei giapponesi. Il palazzo imperiale dove pensa di governare Manchukuo è la sua seconda “prigione”. L’arrivo dei russi, nel 1945, a fine della Seconda Guerra Mondiale, segna la sua cattura da parte dei sovietici.
Un salto temporale ci porta al 1959, quando Pu Yi viene rimesso in libertà dopo aver passato anni ad essere rieducato secondo i concetti della neo repubblica comunista. Un ulteriore sbalzo ci catapulta nel 1967 durante una manifestazioni delle Guardie Rosse che esaltano il culto di Mao. Il film si chiude con l’ultimo imperatore che torna nella Città Proibita come un turista.

tumblr_lxkckkpUvC1qelkz4

The film reflects on the history of Pu Yi, who as an emperor, a man of power, goes from being a simple man, one of many. Pu YI lives a conflict: on the one hand wants to escape from all its obligations, but on the other it hard to get away from what it was. Last Emperor is actually a man. And ‘a man who has spent most of his life in prison, first in the Forbidden City, where he could not go outside the walls to know the world, then during the reign of Manchukuo, where he is a puppet in the hands of the Japanese, and in years of captivity in the Soviet Union and the prison in Fushun, in Mao’s China.

tumblr_m7qjkaLQ6j1qbsjqno2_r1_500

Il film riflette sulla storia di Pu Yi, che da imperatore, uomo di potere, passa ad essere un uomo semplice, uno dei tanti. Pu YI vive un conflitto: da una parte vorrebbe sottrarsi da tutti i suoi obblighi, ma dall’altra fatica ad allontanarsi da quello che è stato. Ultimo imperatore è in realtà un uomo solo. E’ un uomo che ha passato la maggior parte della sua vita in prigione: prima nella Città Proibita, dove non poteva uscire dalle mura per conoscere il mondo; poi durante il regno in Manchukuo, dove è un burattino nelle mani dei giapponesi; e negli anni di prigionia nell’Unione Sovietica e nel carcere di Fushun, nella Cina di Mao.

st Emepr

(Images from Web)

Chiara