Tag Archives: milan

Do you like to travel?

– Do you like to travel?/Ti piace viaggiare??
A Lot!/Tanterrimo!!

– Have you ever been outside of Europe? /Sei mai stato fuori dall’Europa?
Unfortunately not/Sfortunatamente no

– Where do you like to go? /Dove ti piacerebbe andare??
Across the whole wolrd/ In tutto il mondo

– Where you wouldn’t ever go? /Dove invece non andresti mai??
don’t know…I wanna go everywhere, with no restrictions

– 5 star hotel or sleeping bag? /Albergo a 5 stelle o sacco a pelo??
I easily adaptable/ Mi adatto facilmente

– Train or plane?/ Treno o aereo??
I love train..but definitely Plane!/ Amo i treni, ma decisamente aereo!

– Journey or vacation? /Viaggio o vacanza?
Journey

– Tourist Guide or visit do-it-yourself? /Guida o visita fai-da-te??
DIY!

– Suitcase or backpack? /Valigia o zaino?
Backpack on my shoulders and a suitcase to embark/ Zaino sulle spalle e valigia da imbarcare

– What can not miss?/ Cosa non può mancare ??
I don’t really need anything , I’m ok with a pair of shoes/In realtà non ho bisgno di nulla, mi basta un paio di scarpe

– If I were a city would be …? /Se fossi una città saresti…??
New York

– Why? /Perchè??
There’s no why, I think is a really stimulating town…then you get into the metro and you can meet really cool boys!/Non c’è un perchè, penso sia una città piena di stimoli… poi vai in metro e incontri dei gran fighi!

– The most beautiful city that you’ve visited in Italy/ La città più bella che hai visitato in Italia
Milan

– The most beautiful city I’ve visited (foreign) /La città più bella che hai visitato (all’estero)
London and Paris/ Londra e Parigi

– In what place that you’ve already visited, you’d like to come back? /In quale posto che hai già visitato, ti piacerebbe tornare?
Already Paris/ Ancora Parigi

– The place you wish to visit as soon as possible /Il posto che vorresti visitare al più presto possibile
Amsterdam

– If you could tomorrow you’ll wake to … /Se potessi domani ti sveglieresti a…
Goodmorning Wien!/Buon giorno Vienna!

– A journey through time, where would you go? /Un viaggio nel tempo, dove andresti?
Wembley Stadium 1986 during the storical concert by Freddie Mercury’s Queen/ Allo stadio di Wembley nel 1986 durante il mitico concerto dei Queen con Freddie Mercury

– In the future do you see yourself in … / Nel futuro ti vedi a…
I think it’s a really confusional view right now/Al momento la visione è un po’ confusa

– Write three places you’d definitely visit /Scrivi tre posti che vorresti assolutamente visitare
Australia, Norway and USA/ Australia, Norvegia ed America

Advertisements

Music Test

Let’s find out a bit of Alex/Scopriamo qualcosa di Alex

1: A song that you like, with a color in the title / Una canzone che ti piace con un colore nel titolo
Purple Rain – Prince

2: A song that you like, with a number in the title / Una canzone che ti piace con un numero nel titolo
Four five Seconds – Rihanna

3: A song that reminds you the summer / Una canzone che ti ricorda dell’estate
Bring me To life – Evanescence

4:A song that remind you someone you’re trying to forget / Una canzone che ti ricorda qualcuno che vorresti dimenticare
Up and Down – Britney Spears

5: A song to listen to out loud / Una canzone da ascoltare a tutto volume
The Edge of Glory – Lady Gaga

6: A song that makes you want to dance / Una canzone che ti fa venire voglia di ballare
Venus – Lady Gaga

7: A song to listen to while you’re in the car / Una canzone da ascoltare mentre se in macchina
Only love can hurt like this – Paloma Faith

8: A song about drug or alcohol / Una canzone su droga o alcol
Davil Pray – Madonna

9: A song that makes you smile / Una canzone che ti fa sorridere
Here it goes again – Ok Go!

10: A song that makes you sad / Una canzone che ti rattrista
Another love – Tom Odell

11: A song that you never get tired / Una canzone di cui non ti stanchi mai
Just Dance – Lady Gaga

12: A song from your childhood / Una canzone della tua infanzia
viva forever – Spice Girls

13: Your favourite song about the 80s / La tua canzone preferita degli anni ’80
Total Eclipse of the Heart – Bonnie Tyler

14: A song that you would like at your wedding / Una canzone che vorresti al tuo matrimonio
Love on Top – Beyoncè

15: A song is a cover of another artist / Una canzone che è una cover di un altro artista
Master Blaster – Beyoncè and Ed Sheeran

16: One of your favorite classics / Uno dei tuoi classici preferiti
Bohemien Rhapsondy – Queen

17: A song to do at the karaoke in duet / Una canzone da duettare al karaoke
Check to check – Tony Bennet and Lady Gaga

18: A song of the year in which you were born / Una canzone dell’anno in cui sei nato
The Way you make me feel – Michael Jackson (1988)

19: A song that makes you reflect on life / Una canzone che ti fa riflettere sulla vita
How to save a life – The Fray

20: A song full of meaning for you / Una canzone piena di significati per te
La Notte – Arisa

21: A son with a nome of a person in the title / Una canzone con un nome di persona nel titolo
Alejandro – Lady Gaga

22: A song that motivates you / Una canzone che ti motiva
Pronto a correre – Marco Mengoni

23: A song that everyone should listen / Una canzone che tutti dovrebbero ascoltare
I want to break free – Queen

24: A song by a band that broke up / Una canzone di una band che si è sciolta
Last Christmas – Wham!

25: A song by an artist who died / Una canzone di un artista morto
Love is a Losing Game – Amy Winehouse

26: A song that makes you want to fall in love / Una canzone che ti fa venire voglia di innamorarti
Gypsy – Lady Gaga

27: A song that will breaks your heart / Una canzone che ti spacca il cuore
In Assenza di te – Laura Pausini

28: A song by an artist with an extraordinary voice / Una canzone di un artista con una voce straordinaria
Lay me down – Sam Smith

29: A song in which you review yourselves / Una canzone in cui ti rivedi
***Flawless – Beyoncé

30: Do you think that music has healing powers?/Pensi che la musica abbia poteri curativi?
Yes Yes Yes/Si Si Si

31: Would you live without music?/Vivresti senza musica?
Absolutely not/Assolutamente no

32: How often do you listen to music?/Quanto spesso ascolti la musica?
Always.

33: Sing when you’re in the car?/Canti quando sei in macchina?
Yep!/Sì!

34: Sing when you’re in the shower?/Canti quando sei sotto la doccia?
Yes, and I dance too!/Si e ballo anche!

35: Do you have some albums?/Possiedi alcuni Album?
Yeha!/Si!!!

36: Who do you love to see in a concert?/Di chi ti piacerebbe vedere un concerto?
Imagine Dragons, Muse, Florence welch

47: What was your first concert?/Qual è stato il tuo primo concerto?
Hmm I’m not sure, I think Tiziano Ferro/Non ricordo precisamente, potrei dire Tiziano Ferro ma non ne sono certo.

48:Who was the last concert you saw?/Di chi era l’ultimo concerto che hai visto?
Tokio Hotel, live al Fabrique (MI) il 17 marzo 2015

49: What is the next concert?/Quale sarà il prossimo concerto?
Sam Smith @Rock in Roma 21st June

Alex

International Film Festival of Rome 17th of October 2014

Gala – Cinema d’Oggi Mondo Genere  – Prospettive Italia –  Alice Nella Città – Wired Next Cinema – Incontri Retrospettive Eventi .

01:00 PM – X+Y , duration 111′

01:00 PM – Il Magico Mondo Di Instagram e Vine: Workshop con Olimpia Zagnoli, duration 120′

01:30 PM – The Young And The Prestigious T.S. Sprivet, duration 105′

05:00 PM – Short Food Movie. Una Open Call Globale: Video da Tutto il Mondo Per Expo Milano 2015, duration 120′

06:00 PM – Ato, Athalo e Vento ( Way Act And The Wind) , duration 72′

06:00 PM – X+Y , duration 111′

06:30 PM – Incontro con Tomas Milian ( Tomas Milian in Conversation) , 60′

07:00 PM – Kahlil Gibran’s The Prophet, duration 85′

07:00 PM – Itar El-Layl (The Narrow Frame of Midnight) , duration 93′

08:00 PM – Proiezione di A Rose Reborn + Incontro con Chan-Wook Park, duration 79′

08:00 PM – Il Figlio di Dracula + I Vampiri , duration 101′

08:00 PM – L’invasione degli Ultracorti, duration 80′

08:00 PM –  Guida Tascabile Per La Felicità ( A Birder’s Guide To Everything), duration 86′

08:30 PM – Soap Opera, duration 87′

09:00 PM – Die Lugen Der Sieger ( The Lies of The Victors ) , duration 112′

09:30 PM – Still Alice, duration 99′

10:00 PM – The Knick, duration 60′

10:00 PM – Mio Papà , duration 92′

00:00 AM – Eden, duration 131

00:00 AM – Quando Eu Era Vivo ( When I Was Alive ) , duration 108′

00:30 AM – Soap Opera, duration 87′

Espresso

What is the most often consumed drink and loved by Italians?
But of course Espresso.

Quale è la bevanda più bevuta e amata dagli italiani?
Ma ovviamente il caffè Espresso.

The espresso comes from the roasting and grinding of the seeds of Coffea arabica and Coffea robusta.
The drink is obtained by the percolation of hot water under pressure passing through a layer of coffee roasted, ground and pressed, passing through the coffee powder, the water pressure is exhausted and the beverage flows out at atmospheric pressure.
Features of this method of preparation of coffee are: use of a high water pressure and the temperature never reaches the boiling point.
Even the cup is important to be warm before use.
You can choose whether to take the coffee into the cup porcelain or the glass (Glass Coffee).

L’espresso nasce dalla torrefazione e macinazione dei semi della Coffea arabica e dalla Coffea robusta.
La bevanda si ottiene della percolazione di acqua calda sotto pressione che passa attraverso uno strato di caffè tostato, macinato e pressato, passando attraverso la polvere di caffè, la pressione dell’acqua si esaurisce e la bevanda fuoriesce a pressione atmosferica.
Caratteristiche di questo metodo di preparazione del caffè sono: uso di un’elevata pressione dell’acqua e la temperatura che non raggiunge mai il punto di ebollizione.
Anche la tazzina è importante: prima dell’uso deve essere calda.
Si può scegliere se prendere il caffè nella tazzina di porcellana o in quella di vetro (Caffè in vetro).

The espresso was born in Turin in 1884, with the invention of the espresso machine, patented by Angelo Moriondo and perfected by the Luigi Bezzera.
The “espresso coffee” is the espresso machine that you use in bars. In such machines, the water is heated up to 85-90 ° C at a pressure of 9 Barg, then is passed through a system of coils that pass through the container where the coffee powder.
In 1905 the patent was bought by Desiderio Pavoni, who founded the company La Pavoni and began mass production in a workshop in Via Parini in Milan. The uptake occurred in the world thanks to Pier Teresio Arduino, with his company “Victoria Arduino”, and Achille Gaggia, who in 1947 introduced the “lever group” allowing the obtaining of the cream.

Il caffè espresso nasce a Torino nel 1884, in seguito all’invenzione della macchina per produrlo, brevettata da Angelo Moriondo e perfezionata dal milanese Luigi Bezzera.
La “caffettiera espresso” è la macchina per il caffè espresso che si usa nei bar. In tali macchine, l’acqua viene riscaldata fino a 85-90°C alla pressione di 9 Barg, poi viene fatta passare attraverso un sistema di serpentine che attraversano il contenitore dove si trova il caffè in polvere.
Nel 1905 il brevetto fu acquistato da Desiderio Pavoni, che fondò la ditta La Pavoni e iniziò la produzione in serie in un officina di via Parini a Milano. La diffusone nel mondo avvenne grazie a Pier Teresio Arduino, con la sua ditta “Victoria Arduino”, e a Achille Gaggia, che nel 1947 introdusse il “gruppo a leva” permettendo l’ottenimento della crema.

Variants:
Ristretto or short: less caffeine than espresso
Long coffee: you get letting it flow more water than a normal espresso and has a higher concentration of caffeine.
Caffè Macchiato: is obtained by adding a small amount of milk, hot or cold, in the express normal. In Trieste, the hot macchiato is known by the name of Cappuccino.
Coffee schiumato: is a macchiato where milk is added after hot foam, is often confused with cappuccino.
Caffè Corretto: is an espresso to which is added a small amount of brandy or alcohol, such as brandy, rum or sambuca. In some cases the alcohol is served separately at the coffee. In Spain it is known as Carajillo.
Resentin: typical of Veneto, after drinking coffee laced on the bottom of the cup remains a small amount of drink, which can be cleaned by pouring more alcohol.

Varianti:
Caffè ristretto o corto: contenuto di caffeina minore rispetto a quello dell’espresso
Caffè lungo: si ottiene lasciando fluire più acqua rispetto ad un normale espresso e si ha una maggiore concentrazione di caffeina.
Caffè macchiato: si ottiene aggiungendo una piccola quantità di latte, freddo o caldo, nell’espresso normale. A Trieste, il caffè macchiato a caldo è conosciuto con il nome di Cappuccino.
Caffè schiumato: è un caffè macchiato dove il latte è aggiunto caldo dopo averlo schiumato, Spesso viene confuso con cappuccino.
Caffè corretto: è un caffè espresso a cui viene aggiunto una piccola quantità di grappa o di un alcolico, come brandy, sambuca o rum. In alcuni casi l’alcolico è servito separatamente al caffè. In Spagna è conosciuto come Carajillo.
Resentin: tipico del Veneto, dopo aver bevuto il caffè corretto sul fondo della tazza rimane una piccola quantità di bevanda, che si pulisce versando altro alcolico.

(Images from Web)

Chiara

Macarons

W MACARONS!!!!

multicolor-wedding-dessert-macarons

When I hear of macarons my mind inevitably leads me to Paris, all’allure French. Of course I think of the famous patisserie Ladurée macarons that since 1871 produces the best in the world , in many different variations and colors , and exposes them in their windows as if they were real jewels. Until a few years ago to be able to enjoy these delicious desserts had to go to the heart of the French capital , on the Champs Elysee , but now have been opened two charming bakeries in Italy.
One in Milan, in via spadari, and the other in Rome, in via Borgognona.

What about these delicious French pastries, beautiful and good, with their surface crunchy almond paste and heart soft and creamy?
He was a cousin of Louis Ernest Ladurée, the historical founder of pastry, to design the recipe for the macarons in the mid- 800.
The macarons were the favorite desserts of Queen Marie Antoinette, who tasted them at tea, according to the film version of the 2006 Sofia Coppola.
Today, publicize them to think about the fashion bloggers around the world who are competing to be photographed with these little treats in hand.
Have now become a status symbol!
To this also contributed to the ruthless Chuck Bass, Gossip Girl, which is flown to Paris, only to buy the macaroons favorites to his beloved Blair.
These delights are made ​​of egg whites , sugar, almond flour and creams of different flavors, some always available and higher depending on the season.
The tastes that you can always find are: chocolate, dark chocolate, vanilla, coffee, pink, pistachio, raspberry, currant and violet, caramel with butter jumped, red fruits, orange blossom, licorice and lemon. Depending on the seasons: coconut, mint, chestnut, hazelnut, citrus, figs and dates.

laduree08_big

Ladurée pastries are the real boutiques, attention to every little detail. The service is very good and the patrons leave pastry-boutique, clutching elegant pastel green handbags with  within the refined boxes that contain the macarons chosen.

There is also another famous French patisserie where you can find the macarons: Pierre Hermé. Also, if you can not go to rue Bonaparte and rue Vaugirard in Paris, you can buy them on site and have them delivered at home.

tumblr_m8bdn60iKw1qg6wheo1_500 tumblr_lkodmyGeLc1qciek8o1_500 7184526142_18587a6c71_o

Quando sento parlare di macarons inevitabilmente la mia mente mi porta a Parigi, all’allure francese. Naturalmente penso alla famosa pasticceria Ladurèe che dal 1871 produce i macarons più buoni del mondo, in molteplici varianti e colori, e li espone nelle proprie vetrine come se si trattasse di veri gioielli. Fino a qualche hanno fa per poter gustare questi squisiti dolci bisognava recarsi nel cuore della capitale francese, sugli Champs Elisèe, mentre ora sono stati aperti due affascinanti pasticcerie anche in Italia.
Una a Milano, in via Spadari, e l’altra a Roma, in via Borgognona.

Che dire di questi squisiti dolci francesi, belli e buoni, con la loro superficie croccante di pasta di mandorle e il cuore soffice e cremoso?
Fu un cugino di Louis Ernest Ladurèe, storico fondatore della pasticceria, a ideare la ricetta dei macarons nella metà del ‘800.
I macarons erano i dolci preferiti della regina Maria Antonietta, che li assaggiava all’ora del the, secondo la versione cinematografica del 2006 di Sofia Coppola.
Oggi a pubblicizzarli ci pensano le fashion blogger di tutto il mondo, che fanno a gara per farsi fotografa con questi piccoli dolcetti in mano.
Ormai sono diventati uno status symbol!
A ciò a contribuito anche lo spietato Chuck Bass, di Gossip Girl, che è volato a é Parigi, solo per comprare gli amaretti preferiti alla sua amata Blair.
Queste delizie sono a base di albume, zucchero, farina di mandorla e creme di gusti diversi, alcuni sempre disponibili e alti a seconda delle stagioni.
I gusti che si possono sempre trovare sono: cioccolato, cioccolato amaro, vaniglia, caffè, rosa, pistacchio, lampone, ribes e violetta, caramello con burro saltato, frutti rossi, fiori d’arancio, liquirizia e limone. In base alle stagioni: cocco, menta, castagna, nocciola, cedro, fichi e datteri.

laduree_marie-706319 laduree-flyer-macarons1 la_duree_1

Le pasticcerie Ladurèe sono delle vere e proprie boutique, curate fin nei minimi dettagli. Anche il servizio è dei migliori e i clienti lasciano le pasticcerie-boutique stringendo tra le mani eleganti borsette verde pastello con all’interno le raffinate scatoline che contengo i macarons scelti.

Esiste anche un altra famosa pasticceria francese dove poter trovare i macarons: è Pierre Hermé. Inoltre, se non si può recarsi in rue Bonaparte o rue Vaugirard a Parigi, è possibile acquistarli su sito e riceverli direttamente a casa.

tumblr_m8eykaksBD1qerbano1_500 tumblr_mfcdgf4RGL1qzipvbo1_500

Di seguito la video-ricetta trovata su you tube: “La recette du macaron Chuao de Pierre Hermé”

Ingredients for the meringue:

– 50 ml of water
– A few drops of food coloring (optional)
– 200 grams of almond flour
– 5 egg whites (about 150 g at room temperature)
– 200 grams of powdered sugar
-200 Grams of sugar

Ingredients for the topping with lemon:

– 120 grams of butter
– 2 organic lemons
– 4 egg yolks
– 120 grams of sugar

Procedure:

Mix the flour and icing sugar, being careful not to create lumps. In a pan, not so stron , dissolve the sugar in the water up to create a thick syrup. Whip egg whites half , add the food coloring and sugar syrup warmed. The other half of the egg whites add to the flour mixture and sugar to form a paste of almonds pretty solid. Now add the two compounds obtained (the liquid in the solid) stirring carefully, from the bottom upwards, with a spatula or a wooden scoop. Place the dough in a pastry bag and formed on a baking sheet lined with parchment paper, balls of about 3 cm in diameter and let stand for at least 20 minutes, until the little mounds of dough did not take the their classic flat shape and the top of them is not starting to dry (this is the secret to creating, then, the thin crispy shell). It ‘s time to bake but with calm, do not move them too much or the glossy sheen created on the surface and holding stationary marbles, it will break and bye Macarons! It takes 10 minutes in the preheated oven at 180 ° C, after which time you open the oven door a few inches and let the pastries acclimatize for a couple of minutes. Before you discard let cool. To prepare the filling must grate the zest of lemons , whisk the eggs with the sugar, pour it all into a saucepan, add the grated rind and the lemon juice and stir over the fire until the mixture is dry. Remove from heat and add the butter at room temperature. The mixture is left in the fridge for about an hour. Then create the macarons , add two cakes with a teaspoon of lemon cream and you’re don . Before serving ( and keep ) it is better to leave them in the fridge.

macarons-pierre-herme-2013-7 pierre-herme-parigi

Ingredienti per la meringa:

– 50 ml di acqua
– qualche goccia di colorante alimentare (a scelta)
– 200 gr di farina di mandorle
– 5 albumi (circa 150 gr a temperatura ambiente)
– 200 gr di zucchero a velo
-200 gr di zucchero semolato

Ingredienti per la farcitura al limone:

– 120 gr di burro
– 2 limoni biologici
– 4 tuorli
– 120 gr di zucchero semolato

Procedimento:

Mescolate la farina e lo zucchero a velo, facendo attenzione a non creare grumi. In un pentolino sul fuoco non tanto forte, sciogliete lo zucchero semolato nell’acqua fino a creare uno sciroppo denso. Montate a neve metà albumi, aggiungete il colorante alimentare e lo sciroppo di zucchero intiepidito. L’altra metà degli albumi aggiungeteli al composto di farina e zucchero fino ad ottenere una pasta di mandorle abbastanza solida. Ora unite i due composti ottenuti (quello liquido in quello solido) mescolando con cura, dal basso verso l’alto, con una spatola o una paletta di legno. Inserite l’impasto ottenuto in una sacca da pasticcere e formate, su una teglia foderata con carta da forno, delle palline di circa 3 cm di diametro e lasciate riposare per almeno 20 minuti, fino a quando i piccoli mucchietti di impasto non abbiano preso la loro classica forma appiattita e la parte superiore di essi non stia iniziando ad asciugarsi (questo è il segreto per creare, poi, il sottilissimo guscio croccante). E’ il momento di infornarli ma con calma, non bisogna muoverli troppo o la patina lucida creatasi sulla superficie e che tiene le palline ferme, si romperà e addio Macarons! Bastano 10 minuti nel forno preriscaldato a 180°, trascorsi i quali aprirete il portello del forno di qualche centimetro e lascerete ambientare i pasticcini per un paio di minuti. Prima si scartarli lasciateli raffreddare. Per preparate la farcitura occorre grattugiare la scorza dei limoni, montare le uova con lo zucchero, riversare il tutto in un pentolino, aggiungere la scorza grattugiata ed il succo di limone e mescolare sul fuoco fino a quando non si asciugherà il composto. Togliere dal fuoco ed aggiungere il burro a temperatura ambiente. Il composto va lasciato in frigo per circa un’ora. Dopodiché create i Macarons, unite due pasticcini con un cucchiaino di crema al limone ed il gioco è fatto. Prima di servirli (e per conservarli) è bene lasciarli in frigo.

 pierre-herme-macarons pierre-herme-estate-2013

(Images from Web)

Chiara