Tag Archives: MOMA

Moka

The Moka is the device that is used to prepare espresso coffee at home, present in all Italian homes.
The moka was invented in 1933 by Alfonso Bialetti and his son Renato made ​​it famous around the world.
As an object of design moka is preserved in the permanent collections of the MoMA in New York and at the Triennale Design Museum in Milan.

La Moka è l’apparecchio che serve per preparare il caffè espresso a casa, presente in tutte le case italiane.
La moka fu inventata nel 1933 da Alfonso Bialetti e il figlio Renato la rese famosa in tutto il mondo.
In quanto oggetto di design la moka è conservata nelle collezioni permanenti del MoMA di New York e del Triennale Design Museum di Milano.

The Moka is characterized by an octagonal shape and is made ​​of aluminum.
The amount of coffee that can hold is measured in “cups” or “people.”
5 elements make up the moka:
. Boiler equipped with a safety valve
. Tank Coffee: funnel-shaped with flat filter, called “filter funnel”, where you put the coffee powder. This interlocking staying inside the boiler
. Filter: Also called “filter plate”
. Rubber gasket
. Bricco: collects the coffee and closes screw on the water tank. The jug is provided with the cannula protrudes from which the coffee formed by the contact between the boiling water and dust

La Moka è caratterizzata da una forma ottagonale ed è in alluminio.
La quantità di caffè che può contenere si misura in “tazze” o “persone”.
5 elementi compongono la moka:
. Caldaia munita di una valvola di sicurezza
. Serbatoio del caffè: a forma di imbuto con piano filtrante, detto “filtro ad imbuto”, dove si mette la polvere del caffè. Questo alloggia a incastro dentro la caldaia
. Filtro: detto anche “piastrina filtro”
. Guarnizione di gomma
. Bricco: raccoglie il caffè e si chiude a vite sul serbatoio dell’acqua. Il bricco è provvisto di cannula da cui fuoriesce il caffè formatosi dal contatto tra l’acqua bollente e la polvere.

The coffee is prepared by pouring the water into the boiler, tap it with the filter filled with coffee powder, close the pot and put it on the fire. The water warming increases the pressure and goes back towards the other, passing through the filter funnel, filter coffee powder and then passes into the filter plates. Here the small holes and dense prevent coffee granules to move into the top container. Through a nozzle comes into the pot.

Il caffè si prepara versando l’acqua nella caldaia, tapparla con il filtro riempito di polvere di caffè, chiudere con il bricco e metterlo sul fuoco. L’acqua scaldandosi aumenta la pressione e risale verso l’altro, passa nel filtro dell’imbuto, filtra la polvere di caffè e poi passa nel filtro della piastrini. Qui i fori piccoli e fitti impediscono ai granuli di caffè di spostarsi nel contenitore superiore. Attraverso un beccuccio esce nel bricco.

(Images from Web)

Chiara

Advertisements

New York!

The culture seems to be in the air, as part of the time.

Tom Wolfe about NewYork.

 Among the many sections of our blog, we decided to tolk to you about  the cities of our dreams, we have many and we decided to start with the Big Apple.

The origin of this way of calling the city dates back to the early 900, thanks to the book “The Wayfarer in New York,” in which Edward S. Martin compares New York to an apple tree.

During the period of Prohibition, the musicians who came to play on the island of Manhattan often received as compensation a big red apple that then took the friendly nickname “Big Apple.”

Located on the east coast of the United States, New York has always generated a cosmopolitan flair, that made her become the tourist destination of excellence, for dreamers and artists  (in fact is our first city of dreams ^ ^).

Considered a genuine urban jungle, in 2011 had 5.937 skyscrapers, and  more than 500   over 100 meters of height.

Despite the amount of buildings, as many as 27% of  city’s area is occupied by natural areas, in fact, the Big Apple is a city filled of parks, beaches, playgrounds and nature reserves.

The most famous park is definitely  Central Park, it’s  measuring approximately 840 acres, it isn’t the largest in the city, the park contains several attractions, such as a zoo, an amphitheater, a fake castell and several baseball fields and basketball court.

New York is also rich in museums and art galleries such as the “Metropolitan Museum of Art” and the “Museum of Modern Art” (MOMA) and the Guggenheim Museum.

It ‘also a city full of attractions,  as the famous street of Broadway in which there are up to 39 large theaters, the most famous musicals to remember are West Side Story and Mamma Mia!

new-york_103431

La cultura sembra che sia in aria, come parte del tempo

Tom Wolfe su NewYork.

Tra le molteplici rubriche del nostro Blog, abbiamo deciso che ogni tanto vi diletteremo con parlando un po’ delle nostre città dei sogni, ne abbiamo diverse ed abbiamo deciso di iniziare proprio con la grande mela.

L’origine di questo modo di chiamare la città risale ai primi del ‘900, grazie al libro “The Wayfarer in New York “nel quale Edward S. Martin paragona New York ad un melo.

Nel periodo del proibizionismo, poi, I musicisti che andavano a suonare sull’isola di Manhattan ricevevano spesso come compenso una grossa mela rossa che portò poi all’amichevole nomignolo di “Big Apple”.

Sita sulla costa orientale degli Stati Uniti, New York ha da sempre suscitato un fascino cosmopolita che l’ha fatta diventare la meta turistica d’eccellenza, per sognatori ed artisti (non a caso è la nostra prima città dei sogni ^^).

Considerata una vera e propria giungla urbana, al 2011 possedeva 5.937 grattacieli, dei quali oltre 500 di un’altezza do oltre 100 metri.

Nonostante la quantità di edifici, ben il 27% del territorio cittadino, è occupato da aree naturali, incfatti la grande mela è una città ricca di parchi, spiagge, campi da gioco e riserve naturali.

Il parco più famoso è sicuramente Central Park, misura all’incira 840 acri , ma non è il più grande della città, il parco al suo interno contiene diverse attrazioni, come uno zoo, un anfiteatro, un finto castell e diversi campi da baseball e da basket.

New York è anche ricca di musei e gallerie d’arte come il “Metropolitan Museum of Art” e il

Museum of Modern Art” (MoMa) e il museo Guggenheim.

E’ anche una città ricca di attrazioni, famosa la strada di Brodway nella quale ci son ben 39 grandi teatri, tra i musical più famosi ricordiamo, West Side Story e Mamma Mia!