Tag Archives: Roasting

Espresso

What is the most often consumed drink and loved by Italians?
But of course Espresso.

Quale è la bevanda più bevuta e amata dagli italiani?
Ma ovviamente il caffè Espresso.

The espresso comes from the roasting and grinding of the seeds of Coffea arabica and Coffea robusta.
The drink is obtained by the percolation of hot water under pressure passing through a layer of coffee roasted, ground and pressed, passing through the coffee powder, the water pressure is exhausted and the beverage flows out at atmospheric pressure.
Features of this method of preparation of coffee are: use of a high water pressure and the temperature never reaches the boiling point.
Even the cup is important to be warm before use.
You can choose whether to take the coffee into the cup porcelain or the glass (Glass Coffee).

L’espresso nasce dalla torrefazione e macinazione dei semi della Coffea arabica e dalla Coffea robusta.
La bevanda si ottiene della percolazione di acqua calda sotto pressione che passa attraverso uno strato di caffè tostato, macinato e pressato, passando attraverso la polvere di caffè, la pressione dell’acqua si esaurisce e la bevanda fuoriesce a pressione atmosferica.
Caratteristiche di questo metodo di preparazione del caffè sono: uso di un’elevata pressione dell’acqua e la temperatura che non raggiunge mai il punto di ebollizione.
Anche la tazzina è importante: prima dell’uso deve essere calda.
Si può scegliere se prendere il caffè nella tazzina di porcellana o in quella di vetro (Caffè in vetro).

The espresso was born in Turin in 1884, with the invention of the espresso machine, patented by Angelo Moriondo and perfected by the Luigi Bezzera.
The “espresso coffee” is the espresso machine that you use in bars. In such machines, the water is heated up to 85-90 ° C at a pressure of 9 Barg, then is passed through a system of coils that pass through the container where the coffee powder.
In 1905 the patent was bought by Desiderio Pavoni, who founded the company La Pavoni and began mass production in a workshop in Via Parini in Milan. The uptake occurred in the world thanks to Pier Teresio Arduino, with his company “Victoria Arduino”, and Achille Gaggia, who in 1947 introduced the “lever group” allowing the obtaining of the cream.

Il caffè espresso nasce a Torino nel 1884, in seguito all’invenzione della macchina per produrlo, brevettata da Angelo Moriondo e perfezionata dal milanese Luigi Bezzera.
La “caffettiera espresso” è la macchina per il caffè espresso che si usa nei bar. In tali macchine, l’acqua viene riscaldata fino a 85-90°C alla pressione di 9 Barg, poi viene fatta passare attraverso un sistema di serpentine che attraversano il contenitore dove si trova il caffè in polvere.
Nel 1905 il brevetto fu acquistato da Desiderio Pavoni, che fondò la ditta La Pavoni e iniziò la produzione in serie in un officina di via Parini a Milano. La diffusone nel mondo avvenne grazie a Pier Teresio Arduino, con la sua ditta “Victoria Arduino”, e a Achille Gaggia, che nel 1947 introdusse il “gruppo a leva” permettendo l’ottenimento della crema.

Variants:
Ristretto or short: less caffeine than espresso
Long coffee: you get letting it flow more water than a normal espresso and has a higher concentration of caffeine.
Caffè Macchiato: is obtained by adding a small amount of milk, hot or cold, in the express normal. In Trieste, the hot macchiato is known by the name of Cappuccino.
Coffee schiumato: is a macchiato where milk is added after hot foam, is often confused with cappuccino.
Caffè Corretto: is an espresso to which is added a small amount of brandy or alcohol, such as brandy, rum or sambuca. In some cases the alcohol is served separately at the coffee. In Spain it is known as Carajillo.
Resentin: typical of Veneto, after drinking coffee laced on the bottom of the cup remains a small amount of drink, which can be cleaned by pouring more alcohol.

Varianti:
Caffè ristretto o corto: contenuto di caffeina minore rispetto a quello dell’espresso
Caffè lungo: si ottiene lasciando fluire più acqua rispetto ad un normale espresso e si ha una maggiore concentrazione di caffeina.
Caffè macchiato: si ottiene aggiungendo una piccola quantità di latte, freddo o caldo, nell’espresso normale. A Trieste, il caffè macchiato a caldo è conosciuto con il nome di Cappuccino.
Caffè schiumato: è un caffè macchiato dove il latte è aggiunto caldo dopo averlo schiumato, Spesso viene confuso con cappuccino.
Caffè corretto: è un caffè espresso a cui viene aggiunto una piccola quantità di grappa o di un alcolico, come brandy, sambuca o rum. In alcuni casi l’alcolico è servito separatamente al caffè. In Spagna è conosciuto come Carajillo.
Resentin: tipico del Veneto, dopo aver bevuto il caffè corretto sul fondo della tazza rimane una piccola quantità di bevanda, che si pulisce versando altro alcolico.

(Images from Web)

Chiara

Advertisements

The advices of Artusi

The great Pellegrino Artusi, in his textbook, argues that the best coffee was to the city of Mocha in Yemen.
Artusi in his work dispenses advice to get a good coffee: for a craft of roasting coffee beans is recommended to use wood instead of coal , in order to regulate the heat better. When the coffee starts to crackle and smoke, it is often shaken the roaster while you have to remove it from the heat just took the color brown and before that emit oil.
Does not recommend the practice to close between two plates, because in this way you could disseminate essential oil with the consequent loss of aroma.
According to Artusi to get a better flavor, you have to combine different kinds of coffee, roasted separately. The mixture should ideally be composed of 250 g of Port Rico, Santo Domingo and 100 g of Moka 150 , or 300 g of Puerto Rico and 200 g of Moka.
With 15 degrees of this mix you get a cup of coffee plentiful, while for a regular cup are enough 10 g .
Artusi advised tostarne little at a time and keep it in a metal pot tightly closed to prevent the loss of aroma.

Il grande Pellegrino Artusi, nel suo manuale, sostiene che il miglior caffè fosse quello della Città di Mokha nello Yemen.
Artusi nella sua opera dispensa consigli per ottenere un ottimo caffè: per una tostatura artigianale dei chicchi di caffè consiglia di usare la legna al posto del carbone, per poter regolare meglio il calore. Quando il caffè comincia a crepitare e far fumo, va scosso spesso il tostino mentre si deve levarlo dal fuoco appena ha preso il colore castano-bruno e prima che emetta olio.
Sconsiglia l’usanza di chiuderlo tra due piatti, perché in questo modo si potrebbe diffondere ‘olio essenziale con la conseguente perdita dell’aroma.
Secondo Artusi per ottenere un migliore aroma, bisogna unire diverse qualità di caffè, tostate separatamente. La miscela ideale dovrebbe essere composta da 250 g di porto Rico, 100 g di Santo Domingo e 150 di Moka; oppure 300 g di Porto Rico e 200 g di Moka.
Con 15 gradi di questa miscela si ottiene una tazza di caffè abbondante , mentre per una tazza normale ne bastano 10 g.
Artusi consigliava di tostarne poco alla volta e conservarlo in un vaso di metallo ben chiuso, per evitare la perdita di aroma.

(Images from Web)

Chiara

ABC Coffee

Coffee is obtained by grinding the seeds of some species of small tropical trees of the genus Coffea. The genus Coffea includes nearly a hundred species of trees and shrubs of the botanical family Rubiaceae.
The main species of coffee differ in taste, caffeine, and adaptability to different climates and soils than that of origin.
The most important species for the production of coffee are:
. Coffea Arabica: is the oldest species used. The plant originates from Ethiopia, south-eastern Sudan and northern Kenya, and later developed in Yemen.
The most popular variety is the “Moka” that is cultivated in Arabia. Then there are the variety “Typical” and “Bourbon” widespread in Brazil and variety “Maragogype.”
The seeds of Coffea arabica have a caffeine content lower than that of the other species. The plant is a small tree, up to ten meters. The large leaves, dark green in color, are oval or oblong. The white flowers are in bunches, while the fruits are drupes roundish of those red or purplish, containing two seeds rame.Le green plants growing in soil with minerals, especially in soils of volcanic origin, located over 600 add to height and the ideal climate must be around at an average temperature of 20 ° C.
. Coffea Canephora: better known as Coffea Robusta, is one of the most cultivated and economic. Native to tropical Africa, between Uganda and Guinea, it is very adaptable have different climates, it grows at lower altitudes to 700 meters. Also resists heat, disease and heavy rains better than the other species. The tree of Coffea Robusta is an evergreen, up to 8-10 meters high. The leaves are oval and pointed, while the flower, white in color, is composed of 5 petals and the fragrance similar to jasmine. The grains of this species are smaller than those of the species arabica, rounded with a straight furrow and brown. The caffeine content is twice that of Coffea arabica.
. Coffea Liberica: from the forests of Liberia, is cultivated in West Africa, Indonesia and the Philippines. Fruits and seeds are larger than those of the double Arabian, as well as being more resistant to parasites. Its grains give a pleasant and fragrant coffee.
. Coffea Excelsa: This species was first discovered in Africa in 1903 and later botanists believed the a variety of Coffea Liberica.
Among the minor species:
. Coffea Stenophylla: originating in West Africa where it is grown in Liberia, Sierra Leone and Ivory Coast. Very drought tolerant with a scent similar to that of tea.
. Coffea Mauritania: coffee typical of Mauritius. The drink you get is bitter and intoxicating
. Coffea Racemosa: originally from Mozambique. The coffee produced is very fragrant, though not rich in caffeine.
. Coffea Congencis: coming from the banks of the Congo.
. Coffea Dewevrei
. Coffea Neo-Arnoldiana
. Coffea Abeokutoe
. Coffea Dybowskli

Il caffè si ricava dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali del genere Coffea. Il genere Coffea comprende quasi un centinaio di specie di alberi e arbusti della famiglia botanica delle Rubiacee.
Le principali specie di caffè differiscono per gusto, contenuto di caffeina, e adattabilità a climi e terreni diversi da quelli di origine.
Le specie più importanti per la produzione del caffè sono:
. Coffea Arabica: è la specie di uso più antico. La pianta è originaria dell’Etiopia, del Sudan sud-orientale e del Kenya settentrionale, e si è poi sviluppata nello Yemen.
La varietà più rinomata è la “Moka” che viene coltivata in Arabia. Ci sono poi le varietà “Tipica” e “Bourbon” diffuse in Brasile e la varietà “Maragogype”.
I semi della coffea arabica hanno un contenuto di caffeina inferiore a quello delle altre specie.
La pianta è un piccolo albero, alto fino a una decina di metri . Le foglie grandi, di colore verde scuro, hanno forma ovale o oblunghe. I fiori bianchi sono riuniti in mazzetti; mentre i frutti sono drupe tondeggianti di coloro rosso o violaceo, contenenti due semi di colore verde rame.Le piante crescono in terreni dotati di minerali, soprattutto in terreni di origine vulcanica, situati oltre i 600 metti di altezza e il clima ideale deve aggirarsi intorno a una temperatura media di 20°C.
. Coffea Canephora: meglio conosciuta come Coffea Robusta, è una delle specie più coltivate ed economiche. Originaria dell’Africa tropicale, tra Uganda e Guinea, è molto adattabile hai diversi climi, cresce anche a quote inferiori ai 700 metri. Inoltre resiste al caldo, alle malattie e alle piogge abbondanti meglio delle altre specie. L’albero della Coffea Robusta è un sempreverde, alta fino a 8-10 metri. Le foglie hanno forma ovale e sono appuntite; mentre il fiore, di colore bianco, è composto da 5 petali e il profumo ricorda il gelsomino. I chicchi di questa specie sono più piccoli rispetto a quelli della specie arabica, tondeggianti con un solco dritto e di colore bruno.Il contenuto di caffeina è doppio di quello della coffea arabica.
. Coffea Liberica: proveniente dalle foreste della Liberia, è coltivata in Africa occidentale, Indonesia e Filippine. Frutti e semi sono grandi i doppio di quelli della Arabica, oltre ad essere più resistenti all’assalto dei parassiti. I suoi chicchi danno un caffè profumato e gradevole.
. Coffea Excelsa: questa specie fu scoperta in Africa nel 1903 e successivamente i botanici la ritennero una varietà di Coffea Liberica.
Tra le specie minori:
. Coffea Stenophylla: originaria dell’Africa occidentale dove è coltivata in Liberia, Sierra Leone e Costa d’Avorio. Molto resistente alla siccità con un profumo simile a quello del tè.
. Coffea Mauritiana: caffè tipico delle Mauritius. La bevanda che si ottiene è amara e inebriante
. Coffea Racemosa: originaria del Mozambico. Il caffè prodotto è molto profumato, sebbene poco ricco di caffeina.
. Coffea Congencis: proveniente dalle rive del Congo.
. Coffea Dewevrei
. Coffea Neo-Arnoldiana
. Coffea Abeokutoe
. Coffea Dybowskli

According to the website of the International Coffee Organization (ICO), the world’s largest producers of coffee, in order, are: Brazil, Vietnam, Colombia and Indonesia, followed according to the vintages, from Mexico, Guatemala, Honduras, Nicaragua, El Salvador, Ethiopia , Ecuador and India.
The maturation of coffee lasts from six to eleven months. In the countries north of the equator the flowering period corresponds to the spring and the harvest falls in winter, while south of the equator flowering occurs in late summer and harvested in late spring.
The drupes, the fruits of Coffea, do not ripen at the same time. As the fruits ripen must be collected by pulling the olives one by one, by hand or with the appropriate tool to avoid them ferment and sour. The entire operation of the harvest is very complex and expensive, for that the drupes are collected in a single time in the intermediate moment.
In general, the harvest is between 200 kg and 600/700 kg per hectare.

Secondo il sito dell‘International Coffee Organization (ICO) i maggiori produttori mondiali di caffè, in ordine, sono: Brasile, Vietnam, Colombia e Indonesia; seguiti in base alle annate da Messico, Guatemala, Honduras, Nicaragua, El Salvador, Etiopia, Ecuador e India.
La maturazione del caffè dura da sei a undici mesi. Nei paesi a nord dell’equatore il periodo di fioritura corrisponde alla primavera e il raccolto cade in inverno; mentre a sud dell’equatore la fioritura avviene a fine estate e il raccolto a fine primavera.
Le drupe, i frutti della coffea, non maturano contemporaneamente. Man mano che i frutti raggiungono la maturazione bisogna procedere alla raccolta staccando le drupe uno a uno, a mano o con l’apposito strumento, per evitare di farle fermentare ed inacidire. L’intera operazione del raccolto è molto complessa e costosa, per questo le drupe vengono raccolte in un unica volta nel momento intermedio.
In genere il raccolto oscilla tra i 200 kg e i 600/700 kg per ettaro.

The roasting of the beans is done through currents of hot air (about 240 °). During this operation, the grains suffer: weight loss, due to evaporation of water and volatile substance; increase in volume compared to the raw product; formation of a brown-blackish, following the carbonization of cellulose and caramelization of sugars , the appearance of caffeone oil that determines the flavor, and minimal loss of heat due to the caffeine.
The roasting can increase the friability of the product to facilitate grinding, in this way also increases the ability to absorb moisture, for that coffee should be stored in vacuum packs or in which it was entered inert gas.

La tostatura dei chicchi viene eseguita attraverso correnti di aria calda (circa 240°). Durante questa operazione i grani subiscono: perdita di peso, a causa dell’evaporazione dell’acqua e di sostanza volatili; aumento di volume rispetto al prodotto crudo; formazione di una colorazione bruno-nerastra, in seguito alla carbonizzazione della cellulosa e caramellizzazione degli zuccheri; comparsa del caffeone, olio che determina l’aroma; e una minima perdita di caffeina dovuta al calore.
La tostatura può aumentare la friabilità del prodotto per agevolare la macinazione , in questo modo aumenta anche la capacità di assorbimento dell’umidità, per ciò il caffè deve essere conservato in confezioni sottovuoto o in cui è stato immesso gas inerte.

P.S.
Caffeine is a natural alkaloid found in plants of coffee, cocoa, tea, cola, guarana and mate, beverages obtained by them.
Caffeine is present in the leaves, seeds and fruits, where it acts as a natural insecticide and paralyzing.
As a drug, it is legal in all countries, accepted and tolerated by the major religions, and the most consumed in the world.
Caffeine content in foods:
1 cup of espresso: 80 mg
1 cup instant coffee 57 mg
1 can of Coca-Cola: 35 mg
1 cup of tea: 60 mg

P.S.
La caffeina è un alcaloide naturale presente nelle piante di caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate, e nelle bevande da essere ricavate.
La caffeina è presente in foglie, semi e frutti, dove agisce come insetticida naturale e paralizzante.
Come sostanza stupefacente , è legale in tutti i paesi, accettata e tollerata dalle principali religioni, e la più consumata nel mondo.
Contenuti di caffeina negli alimenti:
1 tazza di espresso: 80 mg
1 tazza di caffè solubile: 57 mg
1 lattina di Coca-Cola: 35 mg
1 tazza di tè: 60 mg

(Images from Web)

Chiara